«No Green Pass», oggi la protesta nelle stazioni: controlli anche nel Cilento

Il Green pass in Italia diventa obbligatorio per viaggiare su molti treni da oggi, 1 settembre (leggi qui), in una giornata che potrebbe essere segnata dalle proteste dei “no green pass” – e dei “no vax” – nelle stazioni.

No Green Pass, proteste e controlli

Massima attenzione, quindi, delle forze di polizia in vista delle manifestazioni annunciate in tutta Italia con comunicazioni che viaggiano con il tam tam sui social. Saranno monitorati i principali snodi del trasporto come stazioni, aeroporti e porti.

Il Viminale assicurerà come sempre il diritto a manifestare pacificamente nel rispetto delle regole. Tuttavia non saranno ammessi atti di violenza e minacce annunciate da alcuni “no green pass”

Proteste nel Cilento

Le proteste interesseranno anche in Cilento dove una minoranza di “no green pass” e “no vax” ha assicurato la propria presenza nelle stazioni di Agropoli, Vallo della Lucania e Sapri (leggi qui).

Saranno Polfer, Carabinieri e uomini della polizia municipale a verificare che non ci siano gesti violenti. Soprattutto il rischio è che le linee ferroviarie vengano bloccate come hanno annunciato i manifestanti.

La condanna

“Non verranno tollerati minacce e inviti a commettere reati utilizzando il web”, ha detto il ministro Lamorgese. Non saranno ammesse illegalità in occasione delle iniziative di protesta nei pressi delle stazioni ferroviarie”, ha aggiunto.

In campo anche i sindacati: “Diciamo no alle minacce di bloccare i treni nelle maggiori stazioni italiane”, hanno affermato unitariamente Filt Cgil, Fit Cisl e Uiltrasporti.“Auspichiamo un doveroso ripensamento da parte dei promotori della protesta”, hanno aggiunto. Secondo le organizzazioni sindacali “i rischi connessi a una simile protesta sono evidenti e serve un piano di sicurezza per tutelare lavoratori e utenti”.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.