Palinuro: Buondormire interdetto, ma solo sulla carta

Anche quest'anno segnalazioni sulla spiaggia del Buondormire: l'area è interdetta ma la baia continua ad essere frequentata

CENTOLA. Interdetta ai bagnanti ma solo sulla carta perché la spiaggia del Buondormire continua ad essere frequentata da persone che la raggiungono a bordo di barche, canoe o pedalò. Una situazione che si era verificata già lo scorso anno e sta creando non poco malcontento.

La Baia è uno dei simboli di Palinuro, un luogo suggestivo incastonato tra l’azzurro del mare e il verde della macchia mediterranea dove fino a due anni fa si poteva trascorrere qualche ora in pieno relax.

L’interdizione del Buondormire

Poi è arrivata l’interdizione dell’area: il costone roccioso che circonda il Buondormire, infatti, risulta pericolante. Il Comune aveva invitato i proprietari a metterlo in sicurezza e al contempo aveva disposto il divieto di accesso in attesa che la baia potesse essere frequentata in sicurezza.

Di fatto la spiaggetta continua ad essere frequenta soprattutto da diportisti e quanti la raggiungono in pedalò o canoa. Diverse le segnalazioni.

La situazione, comunque, appare meno caotica dello scorso anno quando intervennero addirittura i carabinieri in zona trovando soggetti vicini ad alcuni clan bivaccare in zona. Nulla di simile accade per ora ma il timore che qualcosa del genere possa ripetesi sta provocando mugugni.

Gli interventi di messa in sicurezza

Al contempo la speranza è che la zona venga messa in sicurezza e se ne assicuri una fruizione disciplinata.

Il Comune di Centola nelle scorse settimane aveva ottenuto anche dei fondi dalla Regione per la messa in sicurezza del Buondormire (leggi qui).

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Un commento

  1. Sono gli stessi fondi per la messa in sicurezza dell’arco naturale chiuso da tempo immemore???? Purtroppo mi rendo conto che per le mentalità ristrette del posto non si rendono conto che vivono di turismo. E lunica risorsa che hanno è il mare e i luoghi che mano mano stanno chiudendo, come le grotte, il ciclope, tanto per citare. E la disorganizzazione (lasciamo perdere) Quando questo finirà (e manca poco) sarà finito anche il turismo. Si possono dedicare alla pastorizia.