Forlenza
AttualitàCilentoIn Primo Piano

“Impacchettato” l’autovelox di Agropoli: “è abusivo”

Apparecchio coperto con un telo nero dall'Anas. Era spento dal febbraio scorso perché non autorizzato, quindi abusivo

“Impacchettato l’autovelox di Agropoli”. L’apparecchio per il controllo elettronico della velocità sarà presto rimosso. L’Anas, la società che gestisce la Cilentana, ha provveduto a coprire il famigerato autovelox di Agropoli con un telo plastico nero come già accaduto per quello di Vallo della Lucania (leggi qui). I due macchinari non risultano autorizzati; entrambi, quindi, erano già non funzionanti; quello posto tra gli svincoli di Vallo e Pattano non era mai entrato in funzione, l’altro, invece, era inattivo dall’inizio dell’anno, spento dopo che il comune aveva ricevuto una diffida da parte dell’Anas.

Soddisfazione da parte dell’avvocato Giuseppe Russo, a capo dell’associazione “Noi Consumatori” : “in data 2 aprile abbiamo integrato la nostra denuncia alla magistratura penale accusando i dirigenti Anas interessati di non avere messo in sicurezza la zona interessata”, spiega il legale cilentano che motiva così l’azione posta in essere oggi dalla società. “Faccio presente che non siamo mai stati a sfavore del controllo elettronico della velocità a condizione che vi siano tutte le autorizzazioni, a condizione che sia visibile anche di notte, a condizione che vi sia segnaletica dell’Anascon limite ad 80 km orari”, conclude Russo.

Diverse le contestazioni negli anni per l’autovelox di Agropoli, dalla scarsa visibilità alla ridotta distanza dall’apparecchio dal guard rail. Accuse mosse anche per quello di Vallo della Lucania. L’Anas, tra l’altro, ha precisato che l’autovelox deve avere una distanza di almeno 2 metri dalla barriera stradale. In una nota informale l’apparecchio di Agropoli era stato definito “non autorizzato e quindi abusivo”.

Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista in alcune televisioni locali.

12 commenti

  1. Di abusivo,che spero presto venga impacchettata e mandata a casa,c’è anche l’attuale amministrazione, che altro non sa fare che intascare soldi, vedi anche il proliferare delle strisce blu un po dappertutto sulle strade del Comune di Agropoli.

    1. Penso che sia il caso di chiederlo all’avvocato Giuseppe Russo, capo dell’associazione “Noi Consumatori” per vedere caso per caso ,cosa si possa fare e se si è ancora in tempo a recuperare le somme “rapinate” con l’autovelox non a norma cioè illegale.

  2. La stessa domanda che mi pongo anch’io Matteo, ma il dare ed avere per la seconda sarà un po’ difficile,purtroppo è l’Italia burocrata come al solito

  3. Io ho pagato 100,00 per una multa all’una di notte per aver superato di qualche kilometro il limite . Ho pagato ai vigili urbani di Agropoli .Saranno loro a ridarmi l’importo . Questa è chiaramente una truffa

  4. Io andavo a 91 km orari contro 50 di limite, ebbi una multa di 1200 euro, feci subito ricorso e il giudice di pace mi diede ragione.
    Credo che tutti potete richiedere rimborso e danni, basta rivolgersi ad un legale.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it