AttualitàCilento

L’autovelox di Vallo della Lucania finisce sul tavolo della Corte dei Conti

L'iniziativa dell'ex consigliere comunale Pietro Miraldi

VALLO DELLA LUCANIA. La questione dell’autovelox di Vallo della Lucania finisce sul tavolo della Corte dei Conti.
L’ex consigliere comunale del Movimento 5 Stelle, Pietro Miraldi, ha annunciato un esposto “affinché si accerti se vi siano responsabilità e sperpero di danaro pubblico”.
Ieri, infatti, il box posizionato due anni fa sulla Cilentana tra gli svincoli di Vallo e Pattano, destinato a contenere l’apparecchio per il controllo della velocità, è stato coperto e presto verrà rimosso. Ora c’è chi chiede di indagare sulla vicenda e soprattutto sui suoi risvolti economici.

Autovelox di Vallo della Lucania: introiti previsti per 4 milioni

L’amministrazione comunale di Vallo della Lucania aveva programmato di incassare solo per i primi due anni di attivazione dell’autovelox quasi 4 milioni di euro. Invece non è mai arrivata l’autorizzazione dell’Anas che permettesse di metterlo in funzione.

Tuttavia il box in cui l’apparecchio doveva essere installato era rimasto al suo posto, determinando timori tra i tanti automobilisti che nell’avvistarlo rallentavano. Un rischio anche per la sicurezza insomma.

Le polemiche

Sull’autovelox di Vallo della Lucania non sono mancate polemiche in questi anni: oltre a quelle politiche anche l’associazione Noi Consumatori lo aveva etichettato come una macchina per fare soldi, come quelli presenti in altre località.

Ad oggi sulla Cilentana non sono presenti altri autovelox fissi: anche quello di Agropoli è stato disattivato per carenza di autorizzazione. Restano i controlli mobili effettuati a Rutino e a Vallo della Lucania stessa. L’amministrazione comunale del centro cilentano nel luglio scorso aveva programmato anche di posizionare un misuratore di velocità nella frazione Massa (leggi qui).

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista in alcune televisioni locali.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it