Majestic
CilentoCuriosità

10 anni del Cilento “Terra di Maria”

Dieci anni fa fu innalzato un pannello in ceramica a Ponte Barizzo, porta simbolica di accesso al territorio

L’1 Maggio 2010 alla presenza del Vescovo della Diocesi di Vallo della Lucania, S.E. Rocco Favale, dei 54 sindaci della Diocesi di Vallo, di numerose autorità civili, militari, religiose e con la presenza di un folto pubblico di fedeli, fu innalzato un pannello in ceramica a Ponte Barizzo di Capaccio-Paestum, porta simbolica d’ingresso nel nostro territorio, nel quale si indicava il Cilento come “Terra di Maria”. Il bozzetto, riportato sul pannello in ceramica, fu realizzato da Mario Romano, su commissione di Sua Ecc. Favale. L’artista cilentano realizzò un acquerello di cm.120 x cm.80, con 6 località del Cilento, turistiche e religiose, e gli stemmi dei 54 Comuni della Diocesi di Vallo. Oggi, 1 maggio 2020, si festeggiano i dieci anni!

La storia c’insegna e documenta che il popolo cilentano, nei momenti difficili e tragici della sua esistenza, si è sempre rivoltò alla carità, alla compassione e alla misericordia della Madonna, per sconfiggere il male che lo stava affliggendo.

Dalla peste alla carestia, dalla guerra al terremoto, la Madonna è stata sempre supplicata per salvare la vita di se stessi, dei propri familiari e della comunità nella quale vivevano. Per cui, ripropongo l’appello che feci ad inizio marzo, al Vescovo della Diocesi di Vallo della Lucania S.E. Ciro Miniero, di promuovere, queste volta, per una Domenica di Maggio, l’uscita “straordinaria” delle “Sette Sorelle” cilentane: Madonna del Granato, Capaccio; Madonna della Stella, Monte della Stella; Madonna della Civitella, Monte Civitella; Madonna del Carmine, Monte del Carmelo; Madonna della Neve, Monte Cervati; Madonna di Pietrasanta, Monte Pietrasanta; Madonna del Sacro Monte, Monte Gelbison o Sacro.

Dai piazzali delle chiese a loro dedicate, che dominano le vallate del Cilento, alle ore 12.00, al rintocco delle campane che suonano a lutto, mentre tutti i cilentani si affacceranno alle finestre o usciranno sui balconi, si terrà un’unica e solenne benedizione rivolta alle popolazioni del Parco Nazionale del Cilento, Vallo di Diano ed Alburni. Accomunando il popolo cilentano in una preghiera collettiva, affinché i Sacri Mantelli misericordiosi delle “Sette Sorelle”, si aprano per proteggerlo da questa terribile Pandemia. Chiedendo, inoltre, l’indulgenza per le anime delle vittime mondiali del Coronavirus. A questo rito religioso collettivo, potrebbero essere chiamate a partecipare tutte le Madonne del Cilento, a cui sono legate antiche tradizioni religiose di miracoli e di guarigioni. Per esempio, la Madonna di Costantinopoli di Agropoli, che uscirebbe sul piazzale antistante la chiesa, per benedire i pescatori del Cilento e del Golfo di Salerno.
Il tutto avverrebbe con la massima sicurezza sanitaria: il Parroco e quattro operatori della Protezione Civile, sotto lo stretto controllo di una pattuglia delle Forze dell’Ordine.
Che la Madonna ci protegga.

Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank

Ernesto Apicella

Editore di libri Turistici e Storici. Scrittore e ricercatore di storia locale. Tra le numerose iniziative culturali-sociali da annoverare: l'idea progetto per la realizzazione del Parco Archeologico nel Borgo Antico di Agropoli, di un Museo Civico nel Castello Greco-Bizantino e di un Parco Fluviale nel Fiume Testene. Da sottolineare, l'importante ricerca storico-religiosa sulla presenza di San Francesco d'Assisi ad Agropoli. Nel 2000 ha fondato l'Associazione Sbandieratori Agropolesi. E' amministratore di numerose pagine “Facebook” di promozione turistica, storica e per il tempo libero.

Un commento

  1. La cappella della croce crocevia di commercio e fede l’unica con documenti certi baluardo di cristianita’ in vicinissima alle sorgenti del sacro fiume del Cilento

Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it