Majestic
AttualitàCilentoIn Primo Piano

Condotte in amianto e tumori in Cilento, Consac esclude collegamento

"Nessun fondamento scientifico nel collegamento tra tumori e condutture in amianto"

TORRACA. Tumori in aumento a causa delle condutture in cemento amianto? Secondo la Consac non vi è correlazione tra la patologia e il materiale di cui sono composte le tubature. L’allarme era stato lanciato già nei mesi scorsi dagli studi condotti dai 168 medici della Cooperativa “Parmenide” di Vallo Della Lucania. In particolare, nel distretto 71 Camerota-Sapri l’incidenza di neoplasie tumorali (5,51%) è risultata più alta che nei distretti di Eboli, Vallo della Lucania, Capaccio e Battipaglia. Di qui l’ipotesi di una correlazione anche con le condotte idriche in cemento amianto. Il caso ha fatto discutere tanto che a Torraca un comitato civico in collaborazione con Comune e Pro Loco ha avviato una raccolta fondi per poter effettuare analisi sull’acqua potabile (leggi qui).

Tumori e condotte in amianto? Consac esclude

Eppure la Consac, la società che gestisce la rete idrica su gran parte del territorio del Cilento e Vallo di Diano è di tutt’altro avviso. “Le tubazioni in cemento amianto sono quasi zero, quindi parlare di contaminazione che potrebbe portare incrementi di tumori è avventato”, chiarisce il direttore Felice Parrilli.

Dalla Consac, inoltre, chiariscono “La cosa più significativa è che non solo esistono studi scientifici che dimostrano che le fibre in cemento amianto possono essere pericolose solo se ispirate, ma Consac ha anche effettuato, in quelle zone dove è ancora presente una condotta in amianto, delle prove di laboratorio per verificare se nell’acqua fossero presenti fibre d’amianto. In tutti i campioni prelevati non risulta la presenza di alcuna fibra di cemento amianto”.

I monitoraggi della risorsa idrica

Non solo, dalla società con sede a Vallo della Lucania chiariscono che l’acqua è costantemente sempre monitorata. “Chi lancia allarmismi sui tumori lo fa in maniera avventata e senza alcun fondamento scientifico. Lo si fa solo per creare notizie sensazionalistiche che però vanno stigmatizzate e noi ci dissociamo”, conclude il direttore Parrilli.

Continua dopo la pubblicità
Tags
Continua dopo la pubblicità
blank

Sergio Pinto

Inizia da giovanissimo l'attività di giornalista, dapprima collaborando per una radio locale, poi fondando un free press nel territorio di Casal Velino. Successivamente ha lavorato con i quotidiani "La Città", "Il Mattino" e "L'Opinione". Fondatore della casa editrice e studio di comunicazione Qwerty, è stato editore e direttore responsabile del mensile "L'Informazione", distribuito su tutto il territorio cilentano. Dal 2009 è direttore di InfoCilento.

2 commenti

  1. le indagini epidemiologiche sono una cosa seria e non possono essere eseguite da comitati e gestori idrici, l’aumento dei tumori in numero assoluto e in percentuale non significa nulla di per sè. Ciò non toglie ceh sia un segnale molto preoccupante e che si debba indagare a fondo, ma in modo scientificamente corretto.

Close

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it