Affare Fatto
CilentoCronacaIn Primo Piano
Trending

Salento, accoltellò la madre: 17enne lascia il carcere

Il giovane ha chiesto più volte scusa ai genitori

SALENTO. Accoltellò la madre dopo un litigio, ora il 17enne di Vallo Scalo che era stato arrestato e rinchiuso a Nisida torna in libertà. L’episodio nel giugno scorso (leggi qui). Al culmine della lite T.F. impugnò un coltello e ferì la mamma.

Il 17enne, studente a Vallo della Lucania, era accusato di tentato omicidio aggravato dai futili motivi nei confronti della madre. Il Gup tribunale per i minori ha accordato la messa alla prova dopo il giudizio con il rito abbreviato. Il giovane si è dichiarato pentito per quanto commesso, ha chiesto scusa più volte ai suoi genitori affermando però di non essere in grado di raccontare i particolari di quella follia omicida che lo portò a sferrare ripetute coltellate al collo della genitrice facendola finire in un letto di ospedale in gravissime condizioni.

Il minore ha sempre confermato ogni accusa spiegando di aver agito in preda ad un raptus: «i miei genitori criticavano costantemente il mio stile di vita affermò già in sede di interrogatorio di garanzia non si fidavano di me e mi accusavano ingiustamente di fare uso di sostanze stupefacenti». Bastò questo a scatenare la follia di un ragazzo apparentemente senza nessun problema.

Quella sera, dopo l’ennesimo rimprovero per aver fatto tardi, fece scattare il raptus di follia che poi portò all’accoltellamento della donna.

Tags

2 commenti

  1. Sono mamma !e se ogni qualvolta si bisticcia per qualsiasi motivo tra genitori è figli si arriva a tanto dove si andrà a finire?se il ragazzo ha commesso un gesto cosi ignobile e giusto che ne paghi le conseguenze! Troppo facile passarla liscia!chi sbaglia è giusto che paghi!

    1. Gentilissima signora Lucia, chiedo scusa in anticipo per l’intromissione, non sono il tipo, ma Lei fa la critica? che commenta ogni singolo articolo…apparte che l’articolo è scritto da quello che si sente e non quello che è, quando non si sanno con certezza le cose e non si conoscono le persone meglio evitare di parlare, ogni tanto bisogna mettersi nei panni degli altri, qui siamo solo bravi a giudicare e a criticare…da mamma non credo che se suo figlio avrebbe fatto una cosa del genere e ne sia pentito in gran modo lei non lo perdoni, e voglia che stia in carcere… e comunque tutti sbagliamo, dovremmo pagare anche quando buttiamo le carte o le cicche per strada, gli errori si fanno gravi e meno gravi, e se lei non ne ha fatti mi complimento. Detto questo le auguro Buona giornata. UN FIGLIO, UN PADRE, UN RAGAZZO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

E' stato rilevato Adblock

Per favore disabilita Adblock su questo sito