Minori nel centro scommesse, sanzione per il titolare

Minori sorpresi nel centro scommesse, la Polizia sanziona il titolare dell'attività con una sanzione di oltre 6000 euro

È una legge del 2012 a vietare l’ingresso ai minori di anni 18 nelle aree destinate al gioco con vincite in denaro, come i centri scommesse. Il titolare dell’esercizio, infatti, ha l’obbligo di identificare i clienti mediante richiesta di esibizione di un documento di identità, tranne nei casi in cui la maggiore età non sia palese.

Fa entrare minore nel centro scommesse: nei guai gestore

A violare la legge sarebbe stato il titolare di un centro scommesse. Le irregolarità sono state contestate durante dei consueti controlli della Polizia di Stato, volti a verificare la regolare gestione della sele gioco.

In particolare, in occasione di una delle verifiche effettuate presso uno di questi esercizi, ubicato nella zona orientale della città di Salerno, gli agenti hanno un considerevole afflusso di minori che accedevano all’interno della sala del centro scommesse per poi partecipare alle scommesse sugli eventi sportivi in corso.

Le sanzioni

Gli uomini della Polizia sono entrati all’interno dell’esercizio sorprendendo alcuni minori ad effettuare scommesse. Pertanto al gestore dell’attività le forze dell’ordine hanno contestato la violazione del Decreto Legge 158/2012 cosiddetto “Decreto Balduzzi” che prevede appunto la sanzione amministrativa del pagamento in misura ridotta della somma di € 6.666,00.

Le attività proseguono nei prossimi giorni avendo particolare attenzione anche alla vendita di alcolici ai minori.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ti potrebbe interessare anche