Furti di castagne: Roccadaspide interviene per tutelare il marone

Multe fino a 150 euro per chi raccoglie più di tre chili di castagne

L’amministrazione comunale di Roccadaspide scende in campo per tutelare una delle risorse agricole più importanti del territorio: la castagna e nello specifico della varietà tipica locale, il marone. L’Ente, guidato dal sindaco Gabriele Iuliano, ha previsto multe per chi raccoglie più di tre chilogrammi di castagne al giorno sul territorio di Roccadaspide. Il provvedimento è valido fino al prossimo 30 novembre. L’ordinanza viene rinnovata annualmente, anche in conseguenza delle segnalazioni relative ai furti di castagne a danno dei proprietari delle piante.

Roccadaspide tutela le castagne: il provvedimento

“Il territorio di Roccadaspide – spiegano da palazzo di città – è caratterizzato dalla presenza di immensi castagneti, con un prodotto castanicolo, il Marrone DOP, che costituisce un’eccellenza locale e rappresenta un importantissimo e trainante settore dell’economia locale. Sono varie e continue le segnalazioni, da parte di molto produttori castanicoli, finalizzate all’assunzione di provvedimenti atti a scongiurare il rischio di furti di prodotti castanicoli e di invasione nei terreni privati di proprietà e posseduti da agricoltori da parte di terzi, i quali sottrarrebbero ai produttori locali ingenti quantitativi di prodotto, anche nottetempo”.

Le sanzioni

Il Comune di Roccadaspide, quindi, ha previsto sanzioni per i trasgressori fino a 150 euro oltre alla confisca del prodotto raccolto. Un modo per tutelare le aziende agricole del territorio, già danneggiate negli anni scorsi dal cinipide che ha ridotto notevolmente la produzione.

Ti potrebbe interessare anche