Integrazione dei sordomuti: Comune punta a fondi della Banca d’Italia

L'obiettivo è garantire supporto e integrazione dei sordomuti

A Buonabitacolo un progetto per 50 giovani sordomuti, dagli 8 ai 28 anni, grazie a risorse della Banca d’Italia. È l’iniziativa dell’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Giancarlo Guercio.

A Buonabitacolo un progetto per il supporto e l’integrazione dei sordomuti

L’esecutivo ha scelto di candidare una proposta ad un avviso pubblicato dalla Banca d’Italia. Le risorse sono destinate a programmi dottorato, master universitari, borse di studio e ricerca; innovazione tecnologica, acquisto di strumentazioni diagnostiche e ospedaliere, iniziative culturale, sviluppo delle opportunità educative, beneficenza, solidarietà e pubblico interesse.

Il progetto del centro valdianese si intitola SOS – Supporto ed Orientamento per i Sordi. Infatti si concretizzerà attraverso attività di supporto e integrazione dei sordomuti nella comunità di Buonabitacolo e in generale del comprensorio. Inoltre si punta a favorire le relazioni, incentivare e stimolare la cittadinanza stimolando la sensibilità verso i sordomuti, sostenere e promuovere le attività educative, sportive, culturali e ricreative. Tutto ciò cercando di far partecipare sordomuti di tutto il territorio del Vallo di Diano.

I costi

Per attuare il progetto in favore dei sordomuti il Comune di Buonabitacolo si avvarrà di esperti e volontari. Poi avvierà le varie iniziative previste. L’obiettivo finale è di formare venti operatori del settore e cinquanta beneficiari.

Il progetto partirebbe nella primavera del 2023 per concludersi nell’ottobre successivo. Il costo totale sarà di 44 mila euro, metà potrebbero arrivare dalla Banca d’Italia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.