Spedire all’estero: 6 consigli

Lo scambio commerciale tra i diversi paesi del mondo è ormai sempre più diffuso. Anche grazie agli e-commerce che si son diffusi sul web, in Italia possiamo acquistare dall’estero e all’estero possono comprare dall’Italia.

In questo ultimo caso diventa indispensabile sapersi muovere nel mondo delle spedizioni, individuando il corriere ideale e il miglior servizio per le proprie necessità (noi ad esempio consigliamo di spedire con SpedireSubito, azienda leader del settore).

Per questo motivo, abbiamo raccolto alcuni consigli da seguire per evitare di incappare in problematiche che si possono tranquillamente evitare.

 

1)      Scegli il corriere in base al paese in cui spedire

La prima domanda che ti devi porre è “dove occorre spedire il pacco?”.

La destinazione è importante dal momento che c’è differenza tra spedizione nell’UE e spedizione Extra UE. Per i paesi dell’UE al pacco a allegata solo la lettera di vettura.

Invece per i paesi al di fuori dell’Unione Europea, sono richiesti al mittente alcuni documenti aggiuntivi per svincolare i pacchi una volta giunti alla dogana (si pensi alla fattura pro forma, al documento del mittente, alla dichiarazione di esportazione libera).

Per semplificare la produzione e la presentazione di questi documenti, è opportuno rivolgersi ad un corriere che possa rendere più agevole questo compito.

Inoltre si consiglia sempre di affidarsi ad un corriere serio che abbia a cuore l’effettiva consegna dei pacchi e non crei spiacevoli sorprese.

 

2)      Informati su quali prodotti si possono spedire all’estero

Indipendentemente dal fatto che tu debba spedire nei paesi Ue o nei paesi Extra Ue, ci sono prodotti che non possono essere trasportati come liquidi e gas infiammabili, batterie sature, gioielli con valore maggiore di euro 2.500, tabacchi opere d’arte e piante.

Lo stesso discorso vale per la medicina, gli animali, il materiale pirotecnico, le armi, la merce radioattiva e la droga.

Gli alimenti possono essere spediti, ma nel caso in cui il paese di destinazione sia l’America, tra i documenti allegati deve esserci il cosiddetto Prior Notice (la regola vale per i privati, mentre per le aziende è tutto un altro discorso).

 

3)      Individua il miglior corriere per spedire all’estero

La scelta del corriere è un punto di fondamentale importanza quando si spedisce all’estero.

Per quanto il fattore economico sia importante, ci sono altri fattori che possono indurre verso una società piuttosto che un’altra.

Ad esempio si consiglia sempre la scelta di un corriere diretto che si occupi di ogni fase della spedizione a partire dal ritiro e fino alla consegna.

Così facendo si tiene sempre traccia del pacco, anche quando vanno da un centro di smistamento all’altro.

 

4)      Raccogli informazioni circa il costo della spedizione all’estero

Ogni corriere ha le sue tariffe in base al peso del pacco e al paese di destinazione. Possiamo ad ogni modo affermare che in media una spedizione in Europa può costare da un minimo di 15-19 euro fino ad oltre 50 euro.

Anche per questo motivo la scelta del corriere deve avvenire con molta attenzione, avendo cura di farsi realizzare dei preventivi o comunque di consultare le tabelle delle tariffe presenti su quasi tutti i siti dei più importanti corrieri.

 

5)      Realizza un ottimo imballaggio per la spedizione

Se fino ad ora abbiamo analizzato tutto quello che riguarda la parte burocratica della spedizione dei pacchi, adesso non ci resta che passare alla parte pratica, quella che cioè riguarda proprio il pacco in sé e per sé.

E non potevamo quindi trascurare consigli circa la realizzazione dell’imballaggio. Il pacco va infatti sigillato a prova di “scasso”, in particolare quando è destinato ad essere trasportato per chilometri e chilometri. La cura nella realizzazione del pacco parte dall’interno.

Che si tratti o meno di un oggetto fragile o che si possa rompere, incarta il tutto come si deve. Se puoi inserisci in una confezione pluriball che possa ammortizzare i colpi, dopodiché utilizza le tipiche scatole per le spedizioni. Sigilla le scatole con il nastro adesivo per i pacchi, ricordando di applicarlo su ogni fessura, per rendere il pacco veramente a prova di ladro.

Un imballaggio adeguato per una spedizione che deve fare molti km è fondamentale proprio per evitarne il danneggiamento, ecco cosa ti serve per una spedizione a prova di bomba.

Insomma, l’oggetto spedito deve essere immobilizzato, onde evitare che nel trasporto venga sballottato a destra e a manca rischiando di subire smacchi o danneggiamenti.

 

6)      Studia la normativa di riferimento per il paese di destinazione

Ogni paese applica all’interno dei suoi confini delle regole ben precise anche per quanto concerne la gestioni di pacchi e corrispondenze.

Prima quindi di far partire l’oggetto verso il destinatario, ti suggeriamo di studiare con estrema attenzione la normativa vigente nel paese di consegna, non solo per rispettare la politica attiva in merito alle spedizione, ma anche e soprattutto per calcolare dazi e costi (se previsti) e per evitare di spedire prodotti non conformi.

A questo punto non ti resta che fare la tua esperienza, ricordando che la migliore soluzione per te sarà un corriere che abbia celeri tempi di consegna e un ottimo feedback circa la qualità del suo servizio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.