Al Fusillo di Felitto il marchio De.C.O.

Riconoscimento per un prodotto tradizionale, entrato anche nei presidi Slow Food

FELITTO. Al Fusillo di Felitto il marchio De.C.O., ovvero di Denominazione Comunale d’Origine. E’ questo il provvedimento proposto dall’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Carmine Casella. Il registro dei prodotti De.Co. nasce per censire e valorizzare i prodotti agroalimentari del territorio.

Il fusillo è il prodotto simbolo di Felitto e pertanto non poteva restare senza questo marchio. L’Ente ha provveduto anche a predisporre una scheda identificativa del prodotto e delle sue caratteristiche peculiari per ogni tipo di prodotto e, laddove lo ritenga necessario, un disciplinare di produzione.

Il Fusillo di Felitto

Il fusillo di Felitto è un prodotto tradizionale, entrato anche nei presidi Slow Food.
Si tratta di un “piatto contadino” che solitamente si usava consumare durante le feste; è una particolare pasta fresca all’uovo, frutto di lavorazione manuale tramandata di generazione in generazione, realizzata con l’ausilio di un sottile ferretto e con semplici ingredienti, quali: semola di grano duro, uova ed acqua.

Si presenta come un maccherone forato di lunghezza variabile (superiore ai 20 cm) e di spessore ridotto (massimo 24 mm) di colore giallo più o meno intenso, caratteristiche indispensabili sono la lunga lavorazione, la forma ma soprattutto la ricchezza dei condimenti con cui viene tradizionalmente servito come il ragù di castrato, o più semplicemente con ragù di carne di vitello o di maiale.

Fondamentale nella realizzazione del fusillo è il “ferro”, un utensile dalle caratteristiche ben precise, infatti deve essere esclusivamente d’acciaio, con sezione quadrata e sottilissimo, anche nella modalità di utilizzo è la particolarità, va premuto sui cordoni di impasto fino a penetrare all’interno e con gesti rapidi si tira la pasta.

Appena sfilati dal ferro, i fusilli sono stesi ad asciugare ed essiccare ben allineati, conservando la forma dritta e il foro centrale.

Il Presidio Slow Food ha ridato attualità all’intera filiera, restituendo rilievo sia alla produzione che alle materie prime, infatti sono numerosi gli ettari di terreno dedicati alla coltivazione del grano duro Senatore Cappelli, utilizzato per la produzione del fusillo e non soltanto, tante anche le aziende che si sono attivate per la produzione delle uova, tutto affinché questa produzione esca da una produzione esclusivamente casalinga, trasformandola in fonte di reddito efficace ed efficiente.

La ricetta, tramandata nel corso dei secoli oralmente di madre in figlia, fino ai nostri giorni senza alcuna interruzione, resta una vera e propria arte.

Ogni anno a Felitto si tiene anche una sagra del Fusillo: l’appuntamento è in programma dal 13 al 23 agosto.