Cilento: progetto per rilanciare le produzioni di grano

Ecco l'iniziativa della Bcc di Aquara

AQUARA. Una iniziativa per rilanciare il settore agricolo locale e in particolare per favorire i coltivatori diretti o le famiglie che intendono produrre grano locale per l’annata agraria 2022/2023. A lanciare il progetto pilota è la Bcc di Aquara, in collaborazione con i comuni di Aquara, Castel San Lorenzo, Felitto, Ottati, Castelcivita e Controne.

Rilanciare le produzioni di grano: l’iniziativa della Bcc di Aquara

L’istituto di credito ha deciso di impiegare 21mila euro che verranno devoluto ai coltivatori sotto forma di incentivi di 5 euro per ciascun quintale di grano prodotto.

Il grano deve essere seminato e raccolto unicamente nei territori dei sei comuni. Le domande saranno accolte in ordine di tempo fino ad esaurimento della somma concessa dalla Bcc di Aquara.

Chi aderisce a questa iniziativa autorizzerà la banca ad ispezionare i sistemi per verificare la congruità e l’ecosostenibilità delle coltivazioni.

Il progetto polita, presentato nei giorni scorsi, mira a favorire l’avvio di nuove attività, incentivare le produzioni locali e in particolare quelle di grano nel comprensorio di Cilento e Alburni, in un contesto socio-politico come quello attuale. La guerra in Ucraina, infatti, rischia di avere effetti importanti anche sulle scorte di grano.

CONTINUA A LEGGERE

Katiuscia Stio

Laureata in Filosofia. Inizia l'attività giornalistica nel 1999 collaborando con vari giornali locali, mensili, web e realizzando servizi per una rubrica in onda su Telecolore. E' stata socia di associazioni culturali per la promozione e valorizzazione del territorio di cui ha curato la comunicazione e l'organizzazione e animatrice di gruppi di azione locale. Nel tempo ha collaborato con i quotidiani Cronache, La Città, attualmente è corrispondente de Il Mattino. Dal 2014 entra a far parte della famiglia di Info Cilento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sostieni l'informazione indipendente