Agropoli, posidonia al Lido Azzurro: “spiaggia devastata”

Pesce accusa: « quattro milioni di euro di finanziamento per distruggere uno dei posti più belli di Agropoli»

AGROPOLI. La spinosa questione della rimozione della posidonia spiaggiata al Lido Azzurro rappresenta il primo test per l’amministrazione Mutalipassi. Fin ora, però, tra difetti di comunicazione e interventi parziali, l’esame sembra tutt’altro che superato. Polemiche arrivano dai cittadini per le opere in corso che stanno portando a nuovi accumuli di alghe sul litorale, anziché agli auspicati interventi di rimozione. Sul caso è intervenuto anche il consigliere di opposizione Raffaele Pesce.

Posidonia al Lido Azzurro: la polemica

«Il Lido Azzurro è devastato: si procede con il solito ammasso annuale della posidonia spiaggiata. Ad oggi non sappiamo quale sia la linea scelta dall’amministrazione e dall’assessore al ramo per la soluzione del problema, eppure anche questa non è nient’altro che la prosecuzione della precedente amministrazione», osserva.

«Il danno e la beffa – aggiunge – quattro milioni di euro di finanziamento per distruggere uno dei posti più belli di Agropoli (in realtà il fine vero era la creazione di un porto); trecentomila euro per una soluzione dimostratasi inefficace; soldi spesi annualmente per limitare il danno da un lato ed accrescerlo dall’altro creando cumuli che celano addirittura il paesaggio; 500.000 regionali da spendere».

Ma se al Lido Azzurro gli interventi hanno quantomeno preso il via, per la spiaggia della Marina, invece, tutto tace.

CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

2 commenti

  1. Mi meraviglia e delude il comportamento,fino al momento,dell’Avvocato Raffaele Pesce che sembra accontentarsi ,stranamente, a essere consigliere di opposizione, mentre, vista la situazione venutasi a creare a seguito dei brogli che ci sono stati, sarebbe stato lui il nuovo Sindaco di Agropoli. Al sottoscritto, e penso a diversi altri cittadini Agropolesi, questo può sembrare una resa se non altro al “SISTEMA” Agropoli.
    Pensi bene l’Avv. Pesce, prima che scadano i termini per il ricorso, e sarà assecondato dal popolo Agropolese sano e onesto.

    1. “AGROPOLESE VERACE” ti capisco, ma, anche tu devi capire che con la “GIUSTIZIA” di oggi che si sfoga sui deboli che,semmai, hanno sbagliato non per accrescere i loro averi, bensì perché in stato di bisogno (cioé per poter mangiare) assieme alla famiglia, c’é poco da sperare che colpisca questi “SIGNORI” ,poiché servono anche al “SISTEMA”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sostieni l'informazione indipendente