Capaccio, inchiesta Croci del Silaro: in 10 a processo

L'inchiesta era partita dopo la sfilata di ambulanze a Capaccio Scalo, per celebrare la vittoria elettorale di Franco Alfieri

CAPACCIO PAESTUM. Il gup Vincenzo Pellegrino del Tribunale di Salerno ha rinviato a giudizio l’imprenditore capaccese Roberto Squecco, l’ex responsabile dell’Unità Emergenza-Urgenza dell’Asl di Salerno, Gerarda Montella, Rosario Cioffoletti, Antonio Aliberti, Rolando Sinopoli, Andrea Merola, Adelmo Di Buono, Nicola Scarcello, Angelo Cucolo e Maurizio Rinaldi.

L’inchiesta Croci del Silaro

Si tratta di soggetti coinvolti nell’indagine Croci del Silaro, conseguente alla sfilata di ambulanze per celebrare la vittoria elettorale di Franco Alfieri. Il processo avrà inizio ad ottobre. Stralciata, invece, la posizione di altre tre persone e di un imputato di recente deceduto.

Il giudice ha accolto le richieste dei pm Giancarlo Russo e Francesca Fittipaldi. L’inchiesta era stata condotta dagli agenti di Squadra Mobile e Divisione Anticrimine della Questura di Salerno, con il coordinamento della DDA della locale Procura.

I reati contestati

I reati contestati sono, a vario titolo, in concorso, i reati di autoriciclaggio, ricettazione, peculato, trasferimento fraudolento di valori, turbata libertà degli incanti, abuso d’ufficio, interruzione di pubblico servizio, disturbo del riposo delle persone, occupazione abusiva ed imbrattamento di edifici pubblici. 

CONTINUA A LEGGERE

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sostieni l'informazione indipendente