Scarichi illeciti: sequestrato centro di raccolta rifiuti ad Ispani

La guardia costiera ha proceduto al sequestro dello scarico delle acque e del percolato del Centro di raccolta rifiuti del Comune di Ispani

ISPANI. Personale militare dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Palinuro, a seguito di attività d’indagine eseguita sotto il coordinamento della Procura della Repubblica di Lagonegro finalizzata a prevenire e contrastare il perpetrarsi di illeciti di natura ambientale, ha proceduto al sequestro dello scarico delle acque di raccolta di prima e seconda pioggia nonché del percolato del Centro di raccolta rifiuti del Comune di Ispani.
Di natura ambientale i reati accertati ai sensi del Decreto Legislativo 152/2006 che hanno condotto all’applicazione della misura preventiva.

Sul posto, i militari hanno cristallizzato la presenza di una non corretta tenuta del centro di raccolta con rifiuti disseminati lungo l’area. Inoltre, grazie al supporto del personale Arpac intervenuto, è stato possibile appurare la presenza di uno scarico diretto sul suolo di percolato e di acque di lavaggio dell’intero piazzale adibito a centro di raccolta rifiuti, in assenza di Autorizzazione Unica Ambientale (AUA), di trattamento depurativo, nonché di idonea regimentazione e canalizzazione delle acque. Il percolato rilevato si disperdeva in tal modo direttamente nel terreno posto nelle immediate vicinanze.
Il sequestro e la chiusura dello scarico si sono resi necessari al fine di evitare che il reato potesse essere portato a conseguenze peggiori.

Le ulteriori indagini delegate dall’Autorità Giudiziaria, ancora in corso di esecuzione, consentiranno agli uomini della Guardia Costiera di Palinuro di individuare i responsabili degli illeciti riscontrati nonché di eventuali più gravi fattispecie di reato.

CONTINUA A LEGGERE

Comunicato Stampa

Questo articolo non è stato elaborato dalla redazione di InfoCilento. Si tratta di un comunicato stampa pubblicato integralmente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sostieni l'informazione indipendente