Orria: due progetti per i percettori del reddito di cittadinanza

Ecco le attività che dovranno svolgere i beneficiari del sussidio

Anche il Comune di Orria, con a capo il sindaco Agostino Astore, è pronto ad utilizzare i percettori del reddito di cittadinanza per lavori di pubblica utilità. 

I progetti di Pubblica Utilità di Orria

Per alcuni mesi, quindi, i cittadini beneficiari del sostegno al reddito erogato dallo Stato saranno protagonisti di due progetti; in particolare dei P.U.C. “Orria Pulita” e Pubblica Utilità, Promozioni e Tutela Beni Comuni“. Il progetto “Orria Pulita ” si pone l’obiettivo di sviluppare il senso civico dei cittadini, partecipando alla cura della città con la pulizia delle strade e delle piazze cittadine dei monumenti e spazi pubblici di proprietà comunale.

Le attività del progetto “Pubblica Utilità, Promozioni e tutela beni comuni” si svolgeranno nei servizi di : assistenza turistica e accompagnamento presso siti turistici/culturali del comune etc e assistenza a singoli ospiti/visitatori o gruppi di escursionisti per indicazioni e supporto etc.

La fase 2 del reddito di cittadinanza, quella in cui i percettori sono obbligati a svolgere lavori di pubblica utilità presso il comune di residenza, ha preso il via con il decreto pubblicato in Gazzetta Ufficiale l’ 8 gennaio 2020. I beneficiari del reddito di cittadinanza, tranne gli esonerati, devono essere convocati da parte dei centri per l’impiego con la firma del Patto per il lavoro. 

Si tratta di prestazioni non retribuite, la mancata accettazione della condizione stabilita dal decreto da parte di uno dei componenti del nucleo familiare determina la decadenza del sussidio; l’attività deve essere svolta per un minimo di otto ore settimanali e un massimo di 16 ore alla settimana.

CONTINUA A LEGGERE

Sostieni l'informazione indipendente