Roscigno, riprendono le attività di scavo a Monte Pruno

Dall'1 al 30 giugno riprendono le attività di ricerca

ROSCIGNO. Tutto pronto per una nuova fase di scavo nell’area di Monte Pruno. Dall’1 al 30 giugno, infatti, gli studenti dell’Università Federico II saranno sul territorio per effettuare attività di ricerca sul posto. Già da alcuni anni il Comune di Roscigno ha stipulato un accordo di collaborazione con l’ateneo napoletano e la Bcc di Monte Pruno finalizzato ad effettuare studi e ricerche nella zona dove tra il VII e il III secolo avanti Cristo sorse un insediamento enotrio e lucano.

La direzione delle attività è affidata alla professoressa Bianca Ferrara; supervisore la dottoressa Rachele Cava.

Il sito di Monte Pruno a Roscigno

L’area di Monte Pruno sotto il profilo storico è di grande rilievo. Nei primi anni del 1900 furono già individuati diversi reperti e nel 1938 anche una tomba principesca con un ricco corredo sepolcrale, conservato presso il museo Provinciale di Salerno.

Ulteriori ricerche sono state eseguite negli anni ’80, nell’ambito di un programma di studio dell’Università di Napoli. Più di recente, su sollecitazione dell’amministrazione comunale guidata da Pino Palmieri e grazie a fondi Fesr Campania sono state eseguite nuove attività sul territorio, in collaborazione con la Cattedra di Archeologia della Magna Grecia dell’Università degli Studi di Napoli Federico II, che hanno documentato un’occupazione del sito da parte di genti indigene dall’VIII alla fine del V secolo avanti Cristo, quando, con l’arrivo dei Lucani, si realizzò un processo di rifunzionalizzazione e di monumentalizzazione di tutta l’area.

CONTINUA A LEGGERE

Filippo Di Pasquale

Laureato in giurisprudenza, collabora con InfoCilento occupandosi di cronaca attualità e cultura. E' appassionato di musica, eventi e tradizioni locali. Segue con attenzione gli sviluppi sociali del territorio del Vallo di Diano e del Cilento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Sostieni l'informazione indipendente