Morti giovanissimi nell’esplosione di un ordigno: Roccadaspide li ricorda

Una storia che risale a 78 anni fa: 3 giovanissimi morirono nell'esplosione di un ordigno della Seconda Guerra Mondiale

ROCCADASPIDE. Era il pomeriggio del 26 agosto 1944. L’Italia era nelle fasi finali della Seconda Guerra Mondiale, aveva attraversato uno dei momenti più feroci del conflitto. Fu quel giorno che l’esplosione di ordigni bellici abbandonati a Roccadaspide durante il conflitto portò alla morte di tre giovanissimi: Domenico Cavallo, 13 anni, Michele Cavallo 10 anni e Donato Bamonte 11 anni.

Roccadaspide ricorda tre giovanissimi morti nel ’44

La tragedia nel territorio del Borgo Cavallo. A distanza di quasi 78 anni da quella tragedia, l’amministrazione comunale di Roccadaspide vuole ricordare quei tre giovani.

L’Ente, guidato dal sindaco Gabriele Iualiano, ha infatti accolto la proposta dell’associazione Borgo Cavallo.

Verrà realizzata una lapide da posizionare nella roccia naturale del luogo ove avvenne l’esplosione. Un modo per mantenere vivo il ricordo di quell’evento.

CONTINUA A LEGGERE

Katiuscia Stio

Laureata in Filosofia. Inizia l'attività giornalistica nel 1999 collaborando con vari giornali locali, mensili, web e realizzando servizi per una rubrica in onda su Telecolore. E' stata socia di associazioni culturali per la promozione e valorizzazione del territorio di cui ha curato la comunicazione e l'organizzazione e animatrice di gruppi di azione locale. Nel tempo ha collaborato con i quotidiani Cronache, La Città, attualmente è corrispondente de Il Mattino. Dal 2014 entra a far parte della famiglia di Info Cilento.

Sostieni l'informazione indipendente