Il Comune di Altavilla, punta sul “Patto per la lettura”

L'obiettivo del Patto per la lettura, è renderla una pratica diffusa e un'abitudine, soprattutto tra le fasce con meno disponibilità economiche

ALTAVILLA SILENTINA. L’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Francesco Cembalo, ha approvato il “Patto locale per la lettura“; quale strumento di governance delle politiche di promozione del libro, che vede anche un’alleanza cittadina e una collaborazione tra scuole, associazioni, case editrici, fondazioni, ospedali; altri soggetti che ne condividono le finalità.

Il programma del Patto per la lettura ad Altavilla

L’Ente, si impegna ad istituire “tavoli di progettazione, coordinamento e monitoraggio”; suddivisi per gruppi di lavoro tematici, programmazione ed elaborazione di progetti e attività di promozione della lettura;

E ancora: mettere, altresì, a disposizione, gratuitamente, le proprie sedi e le relative risorse strumentali, per la realizzazione degli incontri dei gruppi di lavoro; personale interno per la valutazione dei risultati raggiunti, potenziare le attività già svolte e adesione ad iniziative promosse dal MIBACT. Al Patto possono aderire entità pubbliche, biblioteche, scuole, istituti culturali.

Il commento

“Il Patto della lettura, è volto soprattutto a rendere la pratica della lettura, un’abitudine sociale diffusa e un diritto per tutti i cittadinievidenziano da palazzo di città- avvicinare alla lettura i non lettori e in particolare le famiglie dove si registra un basso livello di consumi culturali, dovuto all’indisponibilità economica”.

Il Patto, verrà attuato attraverso un Tavolo di coordinamento e monitoraggio composto da diverse figure in rappresentanza dei vari ambiti della filiera del libro, delle istituzioni e di tutti gli attori culturali presenti sul territorio.