Maurizio Casagrande in visita alla Bcc di Aquara

Il noto attore napoletano Maurizio Casagrande   in visita  alla Bcc di Aquara. Lo scorso 24 marzo si è recato presso la  Filiale di Salerno. Casagrande è uno degli attori più amati dal pubblico italiano, che ha raggiunto un successo incredibile sia a teatro che al cinema, e ancora oggi regala ai suoi fan divertimento e positività.

Maurizio Casagrande ha appena concluso al Teatro Lendi lo spettacolo teatrale «A Tu per Tre», una apparente improvvisazione che, nello svolgersi della serata, svela il raffinato disegno generale.

In scena, insieme al celebre attore e regista napoletano, c’è anche la pianista salernitana Claudia Vietri.“La Pandemia ha segnato la nostra vita ed ha limitato il settore artistico. L’aspetto positivo è che si riescono a coltivare i rapporti. Amo Salerno e adoro il Cilento, torno sempre con piacere e ne approfitto per salutare gli amici della BCC di Aquara” ha affermato Maurizio Casagrande durante la breve visita alla  Filiale, annunciando anche un importante progetto che svilupperà nel prossimo futuro nel Cilento, a Capaccio Paestum.

L’attore napoletano è presente spesso sul territorio Salernitano quale ospite di eventi importanti come, ad esempio, l’Arena del Mare di Salerno. Il mese scorso, invece, è stato l’ospite speciale della Premiazione della 19esima edizione Concorso dei Presepi tenutasi a Tramonti.

Il legame di Casagrande con Salerno però si è instaurato qualche anno fa. Infatti egli è stato regista, sceneggiatore e protagonista del film “Babbo Natale non viene da nord”, un film ambientato proprio a Salerno il cui produttore è Roberto Jannelli, altro amico della Bcc di Aquara. L’idea della produzione del film è nata nella mente di Casagrande dopo aver visitato Salerno durante il periodo delle Luci d’artista.

Alla notizia della gradita visita, anche il Direttore Marino ha rilasciato parole di apprezzamento per Maurizio Casagrande:“E’ un attore e regista di grande fama nazionale, che con la sua opera porta avanti la grande tradizione del Teatro Napoletano e si fa portavoce di tutte quelle sfumature che rendono la nostra cultura popolare tanto ricca e apprezzata in Italia e nel mondo”.