Moio della Civitella programma opere di messa in sicurezza del territorio

Ecco gli interventi in programma

Il Comune di Moio della Civitella, con a capo il sindaco Enrico Gnarra, ha approvato lo studio di fattibilità tecnico ed economico del progetto relativo ai lavori di “Miglioramento delle caratteristiche di stabilità, di sicurezza del Comune, risanamento idrogeologico centri abitati di Moio e Pellare a rischio di instabilità idrogeologica” nell’importo complessivo di € 998.000,00.

Gli interventi di risanamento idrogeologico a Moio della Civitella

L’Ente, al fine di programmare interventi nel campo della difesa del suolo del proprio territorio Comunale, ed in continuazione alle azioni già realizzate ed in corso, ha dato mandato all’UTC di redigere delle progettazioni Preliminari al fine di quantificare i bisogni e le emergenze del territorio. Tale programmazione viene effettuata anche e soprattutto in virtù della nuova programmazione dei fondi europei del PNRR nonché dei finanziamenti da parte dello stato sulla specifica problematica del rischio idrogeologico.

I progetti

Da una analisi del territorio e dei rischi idrogeologici è stata individuata la zona a valle dell’abitato a rischio instabilità di versante zona tra via Clemente Merola e parco Torrusio con evidenti segni di frana a rischio abitati ricompresa in area a Rischio elevato R3 del piano Stralcio Assetto Idrogeologico.

L’UTC ha redatto lotto preliminare funzionale di spesa ad oggetto “Miglioramento delle caratteristiche di stabilità, di sicurezza del Comune, risanamento idrogeologico centri abitati di Moio e Pellare a rischio di instabilità idrogeologica” per €998.000,00 su un intervento complessivo di €6.998.000,00 programmato ed inserito nella programmazione triennale 2022-2024.

L’intervento sarà finanziato con fondi del decreto del Ministero dell’Interno, dell’8 gennaio 2022, che destina contributi da utilizzare dai Comuni, per l’annualità 2022 per interventi riferiti a opere pubbliche di messa in sicurezza degli edifici e del territorio.

CONTINUA A LEGGERE

Sostieni l'informazione indipendente