Cilento, la tradizione di Quaresima

Dallo scorso 2 marzo, giorno del mercoledì delle ceneri, davanti ai portoni delle abitazioni del Cilento fa la sua bella mostra Quaresima

Passeggiando tra i vicoli del Cilento, scopriamo che si rispettano ancora tradizioni pasquali antichissime. In molte abitazioni, appesa ad un portone, fa la sua bella mostra Quaresima.

Si tratta di una sorta di bambola di pezza, abbigliata solitamente di nero o comunque di un colore scuro, personificazione dei quaranta giorni che precedono la Pasqua.

La tradizione di Quaresima

Fino a pochi decenni fa, Quaresima compariva il Mercoledì delle Ceneri (lo scorso 2 marzo) su tutti i balconi delle case contadine cilentane per rimanervi fino all’inizio della Settimana Santa.

Come tradizione vuole, la Quaresima è composta di un’arancia su cui sono presenti delle piume. La regola, infatti, è che sull’arancia vengano conficcate tante piume quante sono le domeniche antecedenti la Pasqua e che, ogni domenica, esse vengano progressivamente rimosse.

Quaresima fa insomma da calendario scandendo le settimane che dal Mercoledì delle Ceneri conducono al giorno della Risurrezione di Cristo.

Senza dubbio, essa è una prova di quella commistione tra fede e folklore che caratterizza molti degli aspetti culturali locali.

Quaresima (nella foto scattata ad Ispani di Pasquale Pellegrino), appesa a quel portone, resiste alla modernità e assume un valore tutto particolare testimoniando un senso profondo di attaccamento alle origini.

CONTINUA A LEGGERE

Antonella Agresti

Laureata in lingue nel 2012, è da sempre appassionata di giornalismo. Nel 2013 frequenta un master per addetto stampa e nell'anno successivo inizia la collaborazione con il quotidiano regionale Metropolis. Dal 2014 è nella redazione di InfoCilento e conduce programmi radio sull'emittente del portale.

Sostieni l'informazione indipendente