Il Comune di Montano Antilia, punta sul “Patto per la lettura”

Un modo per coinvolgere tutti i cittadini nella lettura

MONTANO ANTILIA. L’amministrazione comunale, guidata dal Sindaco Luciano Trivelli, ha deciso di partecipare all’Avviso pubblico per il “Patto per la lettura”, quale strumento di governance delle politiche di promozione del libro, che vede anche un’alleanza cittadina e una collaborazione tra scuole, associazioni, case editrici, fondazioni, ospedali e altri soggetti che ne condividono le finalità.

Il programma

L’Ente, si impegna ad istituire “tavoli di progettazione, coordinamento e monitoraggio”, suddivisi per gruppi di lavoro tematici, programmazione ed elaborazione di progetti e attività di promozione della lettura;

E ancora: mettere, altresì, a disposizione, gratuitamente, le proprie sedi e le relative risorse strumentali, per la realizzazione degli incontri dei gruppi di lavoro, personale interno per la valutazione dei risultati raggiunti, potenziare le attività già svolte e adesione ad iniziative promosse dal MIBACT, come ad esempio “Il Maggio dei Libri”. Al Patto possono aderire entità pubbliche, biblioteche, scuole, istituti culturali.

Il Patto per la lettura, ha una durata triennale, ed è rinnovabile alla scadenza.

Il commento

“Il Patto della lettura, è volto soprattutto a rendere la pratica della lettura, un’abitudine sociale diffusa e un diritto per tutti i cittadini– evidenziano da palazzo di città- avvicinare alla lettura i non lettori e in particolare le famiglie dove si registra un basso livello di consumi culturali, dovuto all’indisponibilità economica”.

Il Patto, verrà attuato attraverso un Tavolo di coordinamento e monitoraggio composto da diverse figure in rappresentanza dei vari ambiti della filiera del libro, delle istituzioni e di tutti gli attori culturali presenti sul territorio.

CONTINUA A LEGGERE

Roberta Foccillo

Da sempre appassionata di comunicazione, con una particolare passione per i video, conduco programmi tv e radio, amo scrivere e mi occupo di tutto quello che di interessante c'è nel mio amato Cilento.

Sostieni l'informazione indipendente