Bambole Reborn arte o terapia contro l’ansia?

Le Bambole Reborn alleviano l’ansia e la tristezza delle donne

Può qualcosa di non vivo prendere veramente il posto di un vero essere umano? Per alcuni, la tendenza delle donne che giocano con le “Bambole Reborn” è qualcosa uscito da “Ai confini della realtà”. Ma secondo la psichiatra Dr. Gail Saltz, il comportamento può fornire sollievo a coloro che affrontano la perdita, la tristezza o l’ansia.

Mentre non c’è stata alcuna ricerca specifica sul fenomeno delle donne che possiedono bambini bambola realistici, sono felice di pesare sui fondamenti psicologici.

Anche se non ancora diffuse in Italia, le bambole Reborn (https://www.bambolereborn.store/) sono arrivate anche qui, grazie a un gran numero di artisti e artigiani qualificati e stanno aiutando psicologicamente molte persone.

Le persone hanno spesso una reazione negativa quando sentono parlare di questi bambini realistici, a volte chiamati bambini “rinati”, “Bambole Reborn” o bambini “di memoria”.

Bambole Reborn e norma

È tipico pensare che qualcosa sia strano o inquietante quando è sconosciuto, lontano dalla norma, o comune solo ad una cultura diversa.

Ma ci sono casi in cui è abbastanza comprensibile per qualcuno che sta lottando con sentimenti di perdita – forse un nido vuoto, una donna senza figli, o qualcuno che ha perso un bambino – per riempire il vuoto con una Bambola Reborn realistica.

È naturale per le persone trovare modi per preservare i ricordi di coloro che amano – dal fare album di foto, al visitare i cimiteri, al tenere un’urna di ceneri sulla mensola del camino. Tutti cercano di sconfiggere la morte e le devastazioni del tempo.

Ma può una Bambole Reborn – una così realistica da sembrare viva – sostituire davvero un essere vivente?

In molti modi, una tale nozione sembra una pagina di Stepford Wives o Invasion of the Body Snatchers. È un pensiero inquietante avere qualcosa di non-vivo che prende il posto di un vero essere umano – che è il motivo per cui una tale concezione è spesso la base per racconti fantasy o horror.

La realtà, tuttavia, è che le persone spesso affrontano questioni dolorose nella loro vita. In molti casi, usano la negazione per affrontare la perdita e l’ansia che ne deriva.

Questo succede a chi vive senza figli, che può sentire di non avere più figli di cui prendersi cura e lottare con l’identità che gli è rimasta. Può succedere anche alle donne senza figli, sia che abbiano scelto di rimanere senza figli o che lo siano per caso. Possono essere d’accordo con questo fino alla menopausa, quando si rendono conto che non si può tornare indietro e che non avranno mai un figlio naturale. A quel punto la definitività della porta chiusa a possibili figli può portare una marea di tristezza.

E alcune sono abbastanza sfortunate da aver perso un figlio – una delle cose più devastanti che possano accadere nella vita.

Cosa fa la mente di fronte a una perdita e a un vuoto così enorme?

La negazione è uno dei meccanismi di difesa più importanti. Non è che questi proprietari di bambole reborn pensano che la bambola sia un bambino vero, ma permette loro momenti in cui sono confortati e possono fingere di avere un bambino vero, a se stessi e al mondo.

La mamma condivide un effetto collaterale del parto molto raro: ascelle gonfie di latte materno

Questo è diverso dall’insistere che il bambino bambola è reale. Fornisce momenti di sollievo e di tregua, quando possono sfuggire alla cruda realtà della loro perdita, e invece hanno quei familiari sentimenti di coccolare un bambino, tubare su di esso, e tutti quegli altri bei momenti che temporaneamente annullare la dura realtà.

Sarei preoccupato, tuttavia, se qualcuno che ha perso un bambino si attaccasse troppo al suo bambino bambola. Questo potrebbe indicare che il loro dolore non si sta effettivamente risolvendo. Avere questo tipo di bambola reborn rischia di essere quasi troppo letterale e concreto per loro.

In qualche modo, l’acquisto di una tale bambola è simile alla sostituzione di un amato animale domestico defunto con un nuovo animale domestico, o anche l’affidamento di un bambino. Ho sentito storie di donne che hanno bisogno di essere necessarie e che preferiscono le scimmie come animali domestici. Le scimmie hanno una grande intelligenza e molte qualità umane. Possono essere tenute e trasportate come un bambino, e persino vestite con abiti veri. Come un bambino, sono totalmente dipendenti. A differenza di un bambino, rimangono così. Questi sono anche modi per cercare di affrontare la perdita e annullare i sentimenti di abbandono che ne derivano. Questi metodi sono accompagnati da responsabilità e impegno reali.

Per coloro che non vogliono avere un impegno, una Bambola Reborn è “meglio” di un bambino vero.

Una bambola reborn viene con zero responsabilità. È un interessante oggetto di transizione – simile alla coperta che un bambino si porta dietro, o al peluche che tiene nello zaino. Significa una connessione con la casa e con la madre. In questo caso, la transizione è tra il bambino reale o immaginario che hanno perso e il fatto che la vita non contiene più quel bambino per loro. Per alcune donne, un tale oggetto di transizione le facilità nel trovare metodi più esterni per affrontare i loro bisogni di cura e di amare un essere che le ami di rimando. È la fantasia concretizzata di ottenere amore incondizionato.

Diversamente da un bambino vero, una bambola realistica non ha nessun casino nel mondo reale – niente pannolini, niente odori, niente poppate, niente pianti. Questi bambini, a differenza di quelli veri, non crescono fino a diventare bambini. E non appena il bambino si allontana, c’è tutta un’altra dinamica psichica. Ora avete una creatura che cresce, cambia, va verso l’indipendenza. Chiaramente, avrà sempre meno bisogno di voi. Legato a un bambino bambola è la consapevolezza che non crescerà mai, non vi lascerà mai, non vi deluderà mai, non dirà mai “Ti odio! Non sarà mai un essere complesso in sé. In questo modo, tu, la “madre”, non sperimenterai mai la perdita.

C’è qualcos’altro riguardo ai bambini.

Per molte donne, che vogliano o no dei figli, un bambino personifica la loro abilità genitale. Simboleggia la loro femminilità e il loro potere femminile.

Se vai in giro con un bambino – o con una bambola che sembra un bambino – tutti si fermano ad ammirarlo. La parola “carino” è stata creata per i bambini! Quindi averne uno produce un’attenzione positiva, che spesso è piacevole, come quando sei vestita e la gente ti ammira. L’esibizione è una parte di tutti noi, quindi è naturale volere attenzione. Per una donna che sta lottando per sentirsi bene con se stessa, il bambino può fornire rassicurazioni sotto forma di altri che ammirano la vostra “progenie”.

Questo tipo di bambola realistica non è per tutti, naturalmente. Ma, se qualcuno si sente privato, potrebbe essere un altro strumento estremamente utile. Ci sono molti modi che una persona può trovare per affrontare la perdita, la tristezza e l’ansia, e queste bambole reborn offrono una soluzione.

CONTINUA A LEGGERE

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

Sostieni l'informazione indipendente