Cilento aree interne: comuni puntano sulla videosorveglianza per la sicurezza urbana

Un modo efficace ed immediato, per contrastare atti criminosi sul territorio

Più sicurezza grazie alla videosorveglianza. Una necessità anche per i piccoli centri, in particolare dell’interno. Territori abituati ad una vita tranquilla ma che talvolta non sfuggono all’attenzione dei ladri. Ecco perché, al fine di garantire più sicurezza, è importante realizzare impianti di sorveglianza, anche in considerazione delle poche risorse umane presenti per garantire controlli.

Due comuni del Cilento interno, hanno scelto quindi di lavorare insieme per un sistema di videosorveglianza da installare sul territorio. Sono Cannalonga e Stio, il cui progetto prevede una spesa di circa 142mila euro.

L’occasione è offerta dal Patto per la sicurezza Urbana, sottoscritto nei mesi scorsi con la Prefettura e delle risorse messe a disposizione dal Governo che li assegna in base ad alcuni requisiti. Qualora dovessero essere stanziate le risorse, i comuni dovranno impegnarsi ad un cofinanziamento del 10% e a garantire la manutenzione degli impianti.

Cannalonga e Stio non sono gli unici comuni a voler usufruire di questa opportunità. Ci sono anche Orria, Magliano e Piaggine e molti altri centri hanno candidato i loro progetti.

CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Sostieni l'informazione indipendente