Malumori tra studenti cilentani per il Super Green Pass

La rabbia degli studenti cilentani: per raggiungere la scuola serve il green pass, per entrare in classe invece no

Malumori tra gli studenti cilentani per le nuove regole in vigore da oggi. Il Super Green pass, infatti, è obbligatorio per salire a bordo dei mezzi pubblici, ma non a scuola. Per tantissimi pendolari, quindi, da oggi cominciano i disagi. Chi non è vaccinato può entrare in classe, ma non arrivarci con i mezzi pubblici.

I disagi per gli studenti cilentani

Il problema interessa da vicino i tanti studenti che raggiungono le scuole superiori di Capaccio Paestum, Roccadaspide, Vallo della Lucania, Castelnuovo Cilento, Sapri ed anche i centri valdianesi, ma di fatto riguarda proprio tutti coloro che utilizzano mezzi pubblici per recarsi a scuola.

Le testimonianze

«Ogni giorno prendo il treno e raggiungo il liceo artistico di Salerno. Ho 16 anni, non sono vaccinata eppure fino al 15 gennaio dovrò avere il super green pass per andare a scuola», dice una studentessa di Agropoli. Gli fa eco un giovane che da Casal Velino si reca a Vallo della Lucania al liceo: «Voglio vaccinarmi, ma il caos degli open day non mi ha permesso fin ora di farlo. Ora sarò costretto a farmi il tampone ogni 48 ore per andare a scuola».

«Non voglio pesare sui miei genitori obbligandoli a pagarmi il tampone, farò il vaccino, ma non sono sicura che questo green pass possa essere realmente la soluzione idonea considerato anche che sottoporsi a sedute vaccinali in questo periodo con gli open day è praticamente impossibile. La scorsa settimana sono stata più di un’ora sotto la pioggia senza riuscire a vaccinarmi», il commento di un’altra studentessa di Policastro Bussentino.

Le polemiche tra gli studenti cilentani sono quindi molteplici, ma al momento l’unica soluzione per non subire restrizioni sembra il vaccino.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Un commento

  1. se vi foste vaccinati tempo fa non si sarebbe arrivato a questo e quindi ora la colpa è del governo?? del caos open-day? direi più colpa vostra che speravate venisse tolto tutto dalle mascherine al GP. A parte qualche caso, raro, che non può vaccinarsi, il resto doveva farlo a suo tempo.