26 milioni per far rinascere Roscigno Vecchia

Un progetto per avviare la riqualificazione del borgo di Roscigno vecchia. Comune punta a finanziamenti.

Far rinascere il borgo di Roscigno Vecchia è un’ipotesi possibile? Nei sogni si, nella realtà dipenderà dalle risorse, perché quella che è stata ribattezzata la Pompei del ‘900 potrebbe dare impulso allo sviluppo dell’intero territorio, diventare un museo a cielo aperto, attirare turisti da ogni luogo, ma affinché ciò avvenga c’è bisogno dei fondi e soprattutto di osare, perché per un piccolo borgo avviare un progetto di una così grande complessità non è certo semplice.

Ma l’amministrazione comunale, guidata dal sindaco Pino Palmeri, talvolta criticata proprio per l’assenza di progetti di sviluppo dell’area, proverà ora a far sì che i sogni diventino realtà.

«Le risorse finanziarie ci sono. Bisogna solamente costruire idee progettuali valide». Così si esprime il primo cittadino ma, come recitano i vecchi detti, tra il dire e il fare c’è di mezzo il mare. Tuttavia la rotta sembra essere finalmente quella giusta.

Il Comune alburnino, infatti, ha scelto di partecipare ad un bando dell’Agenzia per la Coesione territoriale. Quest’ultima ha pubblicato un avviso per la candidatura di idee progettuali da ammettere ad una procedura negoziale finalizzata al finanziamento di interventi di riqualificazione e rifunzionalizzazione di siti per la creazione di ecosistemi dell’innovazione nel Mezzogiorno. Ad essere finanziati saranno progetti di un valore compreso tra gli 11 milioni e i 90 milioni.

Roscigno punta alla costituzione di un centro di Ricerca Territoriale per l’Innovazione della Resilienza Idrogeologica dei Sistemi di Sicurezza Sociale del Geoparco del Cilento Interno per il restauro e la conservazione del patrimonio archeologico del comune alburnino e dell’intero comprensorio. Ammontare dell’investimento oltre 26milioni di euro.

L’iniziativa non coinvolgerà soltanto il Comune ma anche l’Università Federico II e il Consorzio Inter Universitario per la Prevenzione dei Grandi Rischi. La somma è ingenti, i fondi ci sono, Roscigno osa… e sogna.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.