Sant’Agata-Gelbison: i rossoblù ribaltano il match e restano primi

Undicesima giornata archiviata per le squadre del girone I di Serie D. Opposte oggi la Gelbison ed il Città di Sant'Agata: la cronaca del match

Si è tornati in campo nel pomeriggio di oggi per l’undicesimo turno del girone I di Serie D. La Gelbison era di scena in trasferta contro il Città di Sant’Agata allo stadio “Fresina”: i rossoblù cercavano i tre punti dopo il successo di domenica scorsa contro il Real Aversa. La gara dei cilentani, diretta da Simone Pastarelli di Fermo, termina 1-2 con la squadra di Gianluca Esposito che sale a quota 29 punti sola in testa alla classifica.

Sant’Agata-Gelbison: il primo tempo

Parte bene la Gelbison che ci prova al 3′ con Oggiano: il tiro  dalla distanza della punta vallese viene deviato in angolo da Cannizzaro. Al 7′ Chinnici cerca gloria davanti ma la sfera si perde di poco alta, sul fronte opposto il Sant’Agata si vede al quarto d’ora con Calafiore che alla prima conclusione sigla il vantaggio dei siculi. Gli ospiti si rifanno vivi tre volte su punizione: al 18′ con  Uliano non trova nussun compagno in area, al 21′ Oggiano colpisce il palo mentre al 24′ è il portiere locale a metterci i guantoni sul tiro di Uliano. I cilentani premono sull’acceleratore e prima della mezz’ora Oggiano e Graziani chiamano ancora im causa Cannizzaro. L’estremo difensore non può nulla sul tentativo di Gagliardi, pescato da Uliano, che sigla il pareggio al 33′.
La prima frazione si chiude così sul parziale di 1-1: ultima chances per Calafiore allo scadere ma D’Agostino è superlativo nella risposta.

La ripresa

La ripresa vede due squadre battagliare ma al 16’ la Gelbison ribalta la gara in contropiede: Gagliardi  imbeccato da Oggiano porta a due le reti di giornata mandando in estasi i tifosi rossoblù giunti sino in Sicilia. Con il passare dei minuti gli ospiti non subiscono nulla cercando il punto per chiudere la sfida in un paio di circostanze in particolare con Oggiano prima e Frulla nelle battute conclusive. L’ultima opportunità capita sui piedi di ‘ ci prova Alagna sugli sviluppi di una punizione insidiosa, ma la palla si perde alta. Il risultato non cambia più la società del presidente Puglisi sale a 29 punti mantenendo saldamente la testa della classifica sempre davanti alla Cavese e al Lamezia.

Il tabellino

SANT’AGATA (3-4-2-1): Cannizzaro(63′ Fernandez); Sannia, Brugaletta, Giuliano; Pascali(46′ Nemia), Calafiore, Favo, Iania(46′ Gallo); Faella(80′ Nuzzo), Catalano; Cicirello(56′ Alagna). A disp.: Cipolla, Siracusa, Brugnano, Ficarra. All. Giampà.
GELBISON: D’Agostino; La Gamba, Gonzalez, Cardore(60′ Ambro); Gagliardi, Uliano(90′ Ferrara), Graziani, Barbera, Corado(68′ D’Angelo); Oggiano(84′ Frulla), Chinnici(68′ Conti). A disp.: Gesualdi, Ferrara, Pinto, La Vardera, Fois, Ambro, Ferrara. All. Esposito.
ARBITRO: Pistarelli di Fermo (Singh-Preci). MARCATORI: 16′ Calafiore, 33′ e 62′ Gagliardi.
Ammoniti: Pascali, Faella, Calafiore, Alagna. Recupero: 1′ pt- 4’st

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Christian Vitale

Christian Vitale è un giornalista pubblicista che collabora con la Redazione di Infocilento.it dall'aprile del 2016. E' il responsabile della redazione sportiva.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.