Calo demografico nel Cilento: in otto mesi persi 386 abitanti

Crescono i comuni dell'area nord, continuano a perdere abitanti gli altri comuni, in particolare quelli dell'interno. Lo rivelano i dati ISTAT

VALLO DELLA LUCANIA. Continua il calo demografico nel Cilento e in generale nell’area salernitana. Il bilancio demografico ISTAT gennaio – agosto fa registrare una perdita di popolazione in Provincia di 2725 unità. Un dato che paradossalmente è confortante considerato che nel 2020 il crollo di abitanti era del doppio.

I dati

A frenare il calo è il saldo migratorio, ovvero la differenza tra i nuovi residenti e coloro che si sono trasferiti fuori provincia, tornato positivo per 7 mesi su 8 con un picco di 169 nuove iscrizioni all’anagrafe nel mese di marzo.

Il saldo naturale tra nati e morti, invece, è negativo da due anni; l’ultimo mese in cui i nati sono stati superiori ai decessi è stato il 2019.

Calo demografico nel Cilento: i numeri

In questo quadro le aree interne fanno segnalare la decrescita maggiore. Il calo demografico nel Cilento, ad esempio, nei primi otto mesi dell’anno ha fatto registrare -386 unità.

I comuni in controtendenza

Ma ci sono dei comuni in controtendenza, tutti nell’area nord: Agropoli ha fatto registrare un +14, Capaccio Paestum +27, Roccadaspide +24, Altavilla Silentina +22.

Questi centri trascinano anche quelli limitrofi: +19 a Laureana Cilento, +23 a Perdifumo.

In calo Vallo della Lucania che ha perso 57 residenti; in controtendenza la vicina Novi Velia che fa registrare un +21. Nella zona sud tra i comuni che crescono c’è Torre Orsaia (+22).

Anche nel Vallo di Diano si registra un calo demografico come nel Cilento. Il centro capofila, Sala Consilina, fa segnare addirittura un -35. In crescita soltanto Atena Lucana (+18), Sanza (+3), Buonabitacolo (+2) e San Rufo (+1). Male anche il comprensorio alburnino.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.