Capaccio: sigilli all’asilo di Rettifilo, mancavano autorizzazioni e pareri

Non aveva l’autorizzazione paesaggistica e il permesso a costruire quando i lavori sono stati avviati. Per il nuovo asilo nido in costruzione in località Rettifilo di Capaccio Paestum sono scattati i sigilli. Il sequestro preventivo è avvenuto ieri mattina da parte dei carabinieri della locale stazione su disposizione della Procura di Salerno. Tre le persone indagate titolari della tra ditta e direzione dei lavori.

Asilo senza permessi: le opere

Il cantiere aperto nel 2020, era stato già bloccato nello scorso mese di marzo dopo una diffida inoltrata all’ente civico, da parte della Soprintendenza Archeologica Belle Arti e Paesaggio per le Province di Salerno e Avellino, per poi riprendere dopo circa un mese a seguito dell’assunzione del parere favorevole che lo stesso ente di tutela ha espresso in merito.

Al riguardo, la Giunta comunale, con apposita delibera, aveva anche approvato la prosecuzione del progetto di completamento, finanziato con fondi Por Campania per 950mila euro. Adottata anche l’apposita variante al vigente Prg.

Poi il provvedimento disposto dall’autorità giudiziaria, che di fatto interrompe nuovamente la costruzione dell’immobile. Il nuovo asilo nido accoglierà circa 50 bambini. Il progetto prevede l’ingresso principale in prossimità del parcheggio pubblico esistente, in modo da facilitare il flusso dei genitori.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE