Lavoro irregolare: controlli e sanzioni dalla Piana del Sele ad Agropoli

Settanta aziende nei guai dopo i controlli posti in essere dall’Ispettorato del lavoro di Salerno nell’ambito del progetto Su.Pr.Eme, finanziato da Commissione Europea e Ministero del Lavoro per il contrasto al lavoro nero e irregolare.

Lavoro irregolare i controlli

I controlli sono stati eseguiti in tutta la Piana del Sele, fino ad Agropoli, al fine di individuatare irregolarità lavorative. Attività di monitoraggio anche in aziende dell’agro -nocerino-sarnese.

I numeri

I riflettori sono stati puntati su circa 180 aziende agricole e allevamenti; di queste 70 circa sono risultate non in regola tanto da imporre 15 provvedimenti di sospensione dell’attività imprenditoriale.

Emerse 265 posizioni di lavoratori irregolari; di questi 85 risultavano completamente in nero. In gran parte erano braccianti extracomunitari. Oltre al lavoro nero sono emerse diverse posizioni relative a giornate lavorative prestate ma non registrate sul “libro unico del lavoro”.

E ancora: riscontrate violazioni relative all’inosservanza del giorno di riposo settimanale, di retribuzioni corrisposte senza tracciabilità. Infine sono risultati privi di permesso di soggiorno sei lavoratori.

Fenomeni conosciuti e diffusi a cui si prova a porre un freno. Le attività sono state poste in essere anche con il supporto di carabinieri e uomini della guardia di finanza. In alcuni casi sono in corso accertamenti per acclarare ipotesi di caporalato.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

Un commento

  1. Finalmente era ora che fare incontrolli. Quanto marcio è uscito fuori. Speriamo che questi controlli vengono fatti nel tempo a seguire molto spesso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.