Vendeva illegalmente tartarughe protette: nei guai salernitano

I militari del Nucleo Carabinieri CITES Salerno e del Nucleo Investigativo di Polizia Ambientale di Salerno, coadiuvati dall’associazione “Agriambiente Onlus” di Napoli, al termine di articolata attività di indagine on-line con l’utilizzo di strumenti informatici e banche dati dedicate, hanno scoperto il commercio di specie animali protette dalla convenzione di Washington, nella fattispecie giovani esemplari di tartaruga “Testudo Hermanni Hermanni”.

Le indagini espletate hanno consentito di ipotizzare che le tartarughe erano proposte in  vendita in mancanza della necessaria documentazione/certificazione autorizzativa prevista per tutte le specie animali e vegetali in pericolo di estinzione, in violazione di quanto previsto dal Regolamento CE n. 338/97.

I militari hanno quindi effettuato un controllo a sorpresa della persona individuata quale proponente la vendita ed hanno rinvenuto nel baule della sua autovettura 12 esemplari  della suddetta tartaruga per un valore commerciale stimato di circa 1.500 euro. Alla luce di quanto accertato, hanno proceduto all’immediato sequestro dei rettili ed al loro trasferimento presso una struttura idonea situata nel comune di Monte Miletto alla quale sono stati affidati. Hanno quindi deferito all’Autorità Giudiziaria il trentatreenne autore del reato.

La convenzione sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione, meglio nota come CITES (Convention on International Trade of Endangered Species) è un accordo internazionale firmato a Washinton nel 1973 che regolamenta il commercio internazionale di fauna e flora selvatiche in pericolo di estinzione ed ha il preciso scopo di impedire lo sfruttamento commerciale delle specie in pericolo. Le violazioni alla convenzione producono molteplici rischi: sono causa di estinzione delle specie protette ed alterano gli equilibri dell’ecosistema giacché l’introduzione in un habitat di  specie estranee espone a rischio di alterazione ed inquinamento genetico l’habitat stesso.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.