Agropoli: grazie a Chi l’ha visto Gerardo ritrova la sua famiglia

AGROPOLI. Era il giugno scorso quando la trasmissione Chi l’ha visto ha portato alla ribalta la storia di Gerardo, 30 enne nato ad Agropoli ma residente ad Angri con la famiglia adottiva (leggi qui). Il giovane è alla ricerca della sua vera famiglia, di cui si sono perse le tracce. I suoi genitori lo hanno riconosciuto, ma poi, per qualche ragione, sono stati costretti a darlo in adozione.

La storia di Gerardo

Il 30enne, un ragazzo speciale con bisogni speciali, vuole sapere la verità. Dopo un anno in orfanotrofio, il 20 marzo 1992 è stato adottato da Giuseppina e Bartolomeo di Angri. La mamma adottiva è morta quando Gerardo aveva soltanto 15 anni, lasciandolo solo con il papà.

Nonostante l’affetto che nutre verso la sua nuova famiglia non ha mai smesso di cercare i suoi veri genitori.

La svolta

Grazie alla trasmissione Chi l’ha visto è arrivata una svolta. Qualcuno dei telespettatori ha intravisto nelle foto di Gerardo una somiglianza tra lui ed un altro ragazzo, anche lui adottato.

E’ un fratello di Gerardo e si chiama Antonio. Ieri le telecamere di Chi
l’ha visto hanno accompagnato Gerardo ad Albanella a conoscerlo. Emozionante l’incontro tra i due durante il quale la mamma adottiva di Antonio ha raccontato parte della storia dei due fratelli: la mamma e il papà non riuscivano a sopportare il peso della famiglia e così hanno reso i loro figli, cinque, adottabili.

Purtroppo oggi la madre è morta ma il sogno di Antonio e Gerardo è di chiudere il cerchio riuscendo a ritrovare gli altri tre fratelli.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Sergio Pinto

Inizia da giovanissimo l'attività di giornalista, dapprima collaborando per una radio locale, poi fondando un free press nel territorio di Casal Velino. Successivamente ha lavorato con i quotidiani "La Città", "Il Mattino" e "L'Opinione". Fondatore della casa editrice e studio di comunicazione Qwerty, è stato editore e direttore responsabile del mensile "L'Informazione", distribuito su tutto il territorio cilentano. Dal 2009 è direttore di InfoCilento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.