La ricetta: spaghetti del pescatore

Un piatto povero per costi, ma molto nutriente e ricco acidi grassi omega-3. Questa pietanza veniva preparata dalle donne dei pescatori al rientro dalla nottata di pescaggio di qui il nome del piatto.

Nell’antichità e ancora oggi denominato dalle vecchiette “spaghetti con le alici arracciate (sminuzzate)”.

Cuciniamo insieme?

Per 4 persone: ci occorreranno 300 gr di spaghetti, 250 gr di alici fresche, una dozzina di olive del cilento, 1 cipolla rossa grande, mezzo bicchiere di vino bianco locale, 300 ml di passato di pomodoro, olio evo, sale, prezzemolo e basilico tutto quanto basta.

Il procedimento

In un fondo di olio evo facciamo appassire la cipolla affettata finemente e aggiungiamo il pomodoro. Aggiustiamo di sale e lasciamo cuocere per una ventina di minuti. Intanto puliamo e delischiamo le alici.

Uniamo al sugo le olive, le alici sminuzzate e sfumiamo con il vino a fiamma vivace. Cuociamo la pasta in abbondante acqua salata, scoliamo al dente e condiamo con il sughetto. Impiattiamo ben caldo e guarniamo con del prezzemolo fresco tritato e foglie di basilico.

A piacere possiamo aggiungere del peperoncino piccante. Buon appetito

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Letizia Baeumlin

Appassionata di giornalismo, collabora con InfoCilento dal 2019. Si occupa di attualità, cronaca, eventi e gastronomia. E' sposata, ha due figli e vive a Palinuro. E' appassionata di cucina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.