Processo Due Torri Bis: reati prescritti

Si conclude con la prescrizione il Processo Due Torri Bis. Politici, funzionari e imprenditori del salernitano erano finiti negli anni scorsi al centro di una inchiesta per presunti appalti truccati. Un’attività avviata dalle denunce del sindaco di Pollica Angelo Vassallo e partite dai lavori mai completamente terminati della strada Celso – Pollica.

Il processo Due Torri Bis

Da un filone dell’inchiesta originaria restava in piedi il processo Due Torri Bisi.
I giudici della Terza sezione penale del Tribunale di Salerno hanno decretato il “Non luogo a procedere” per gli ex imputati. Tra questi figurava l’ex presidente della Provincia di Salerno Angelo Villani, alcuni funzionari dell’Ente, diversi imprenditori tra cui alcuni cilentani.

La Procura aveva avviato le indagini su lavori relativi alle strade che non erano mai stati realizzati o completati e su appalti irregolari.

I coinvolti

Il processo aveva preso il via nel 2015 ma i fatti risalgono all’inizio degli anni 2000. Complessivamente erano 80 le persone finite a giudizio.

La prima inchiesta aveva coinvolto anche il sindaco di Capaccio Paestum Franco Alfieri, ex assessore provinciale ai Lavori pubblici della giunta Villani. Per lui l’accusa era di avere intascato mazzette per 25mila euro per orientare alcuni appalti in Provincia. La sua posizione, però, era già stata oggetto di prescrizione.

Altri soggetti coinvolti, invece, avevano deciso per il patteggiamento.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento, Vallo di Diano e Alburni. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

2 commenti

  1. E’ uno schifo, ma chi aveva firmato le liquidazioni alle imprese per lavori fantasma ,cioè mai eseguiti, di cui ,il compianto Sindaco Vassallo ,aveva più volte segnalato, e che solo dopo la caduta dell’amministrazione Villani col cambio del neo assessore ai lavori pubblicii Marcello Feola, si accertò che erano effettivamente state comunicate .Adesso va tutto in prescrizione, è uno schifo, altrimenti, se la Legge con la elle maiuscola,, fosse veramente “Uguale per tutti”, ma non lo é, personaggi Politici, che oggi occupano cariche importanti, starebbero, indubbiamente, dietro le sbarre.Vergognaaaa!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.