Vestiti falsi e prodotti non sicuri: scatta il sequestro nel salernitano

Denunciati i titolari di due esercizi commerciali. Il blitz della Guardia di Finanza in locali commerciali, depositi e locali

Nel corso di un mirato piano di interventi, la Guardia di Finanza di Salerno ha controllato una serie di depositi e locali commerciali della provincia e sottoposto a sequestro un totale di oltre 3.000 capi di abbigliamento contraffatti, unitamente a circa 75.000 prodotti non sicuri, denunciando i due responsabili. In una prima operazione, le Fiamme Gialle della 1a Compagnia di Salerno, sulla scorta di una preliminare attività info-investigativa, hanno ispezionato un magazzino di Montecorvino Pugliano, rinvenendo 8 cartoni che contenevano più di 200 felpe con il marchio della famosa casa di moda “Karl Lagerfeld” visibilmente falso.

Le perquisizioni sono quindi proseguite in un altro garage di proprietà dell’esercente, a Battipaglia, dove i militari hanno scoperto ulteriori 3.000 tra felpe, jeans e magliette, riportanti noti brand come Polo Ralph Lauren, Emporio Armani, Fred Perry e Miss Blue Marine, pure questi tutti contraffatti. Il responsabile, un cinquantanovenne già noto alle forze dell’ordine per analoghi precedenti, è stato denunciato a piede libero per il reato di “detenzione e commercializzazione di prodotti contraffatti”, in relazione al quale rischia una condanna fino a 4 anni di reclusione e la multa sino a 35.000 euro. Stessa sorte per il proprietario di una cartoleria di Bracigliano: all’esito di un controllo, i militari della Compagnia di Scafati hanno infatti appurato che il trentaseienne nascondeva, nel suo deposito, oltre un centinaio di articoli non conformi, tra capi di abbigliamento e giochi per bambini.

Altre irregolarità sono state poi riscontrate in un paio di negozi, a Mercato San Severino e Sarno, entrambi gestiti da soggetti di etnia cinese. Circa 75.000 prodotti di bigiotteria, cosmetici, giocattoli ed accessori per acquari non sicuri, poiché sprovvisti delle necessarie indicazioni sui materiali impiegati e sulle altre caratteristiche merceologiche, che la Guardia di Finanza di Salerno e Nocera Inferiore ha perciò subito tolto dagli scaffali. I trasgressori, segnalati per l’autonoma fattispecie amministrativa prevista a tutela della salute dei consumatori, sono ora chiamati al pagamento di una sanzione che può arrivare a circa 26.000 euro.

Continua a leggere su InfoCilento.it


CONTINUA A LEGGERE

Comunicato Stampa

Questo articolo non è stato elaborato dalla redazione di InfoCilento. Si tratta di un comunicato stampa pubblicato integralmente.

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!