Agropoli: accuse a Vassallo e Valiante , il figlio Simone: sono inorridito

“Ho letto le dichiarazioni del sindaco di Agropoli Adamo Coppola che, nel corso del consiglio comunale pare abbia definito Angelo Vassallo come colui  che gestiva gli equilibri del Corisa4, uno dei più grandi carrozzoni della Campania, per conto di Antonio Valiante, protagonisti dello scontro tra Vallo e Agropoli, in sintesi nemici entrambi di Agropoli. Se fosse vero, sono veramente stravolto ed inorridito per questo linguaggio che tra l’altro riguarda due persone che non ci sono più e che fino a prova contraria hanno fatto la storia di questa terra”. Così Simone Valiante , figlio di Antonio, che entra nel dibattito che ha travolto il sindaco di Agropoli Adamo Coppola per le sue dichiarazioni in merito al sindaco pescatore e all’ex consorzio rifiuti Sa4

Sono inorridito perché mi sembra, tra l’altro, di aver conosciuto un’altra persona, Adamo, in quelle poche occasioni nelle quali i nostri scambi di opinioni sono stati sempre cordiali. Mi sembra opportuno ricordare, tra l’altro, che né mio padre né Angelo Vassallo hanno mai gestito consorzi di rifiuti, tanto più carrozzoni, se mai mio padre ha gestito una USL che divenne la prima d’Italia per efficienza amministrativa, nell’epoca non dei tagli ma della spesa pubblica allegra”, prosegue Valiante. 

Poi, relativamente all’accusa verso queste due figure di essere “nemiche politici di Agropoli” l’ex deputato Pd ha ricordato come il padre “ha aperto da amministratore regionale e non chiuso l’ospedale di Agropoli, in un’epoca diversa, invece, quella dei tagli violenti alla sanità in tutto il Paese, come abbiamo di recente  discusso con lo stesso Adamo, che in presenza del suo vice sindaco, qualche mese fa, ha riconosciuto che quella è stata una stagione inutilmente violenta ed aggressiva. Nel tentativo di combattere quella politica di tagli, inoltre, mio padre progettò per Agropoli il polo oncologico che sarebbe stato il vero futuro della sanità agropolese e di tutto il sud della provincia. Progetto che venne definito inutile proprio da amministratori come Adamo, forse per mancanza di esperienza o poca visione in alcuni casi. Questa è una parte del merito delle questioni”. 

Sono, in realtà, amareggiato, sorpreso e francamente disgustato per un linguaggio che colpisce uomini che non ci sono più. Avevamo capito da tempo che la politica era in affanno, ma c’è un limite alla decenza”, conclude Simone Valiante.

Continua a leggere su InfoCilento.it


CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!