AttualitàCilento

Ampliamento resort ad Ascea: Tar boccia Soprintendenza

Arriva la decisione del Tar

ASCEA. Intervento di ampliamento di una struttura ricettiva, società presenta e vince ricorso al Tar contro la Soprintendenza e il Comune di Ascea (quest’ultimo non costituito in giudizio). La sentenza è stata pubblicata la scorsa settimana, ma fa riferimento ad una vicenda che ha inizio più di cinque anni fa allorquando la Soprintendenza espresse il proprio diniego all’autorizzazione paesistica per l’ampliamento e la sistemazione esterna del resort.

Ampliamento resort, il progetto

Nello specifico la società chiedeva la realizzazione di tre nuove strutture e la riqualificazione dell’area esterna. Il consiglio comunale dava l’ok; nulla osta anche del Parco. Per la Soprintendenza, invece, il progetto che prevedeva tra l’altro la realizzazione di due piscine non rientrava tra le “opere di interesse pubblico come sosteneva l’ente locale”; inoltre avrebbe rischiato di antropizzare eccessivamente un’area a ridosso di Velia.

Il Comune di Ascea, quindi, si è adeguato al parere. Si arriva così al 2018 quando viene rimodulato il progetto con una riduzione dei volumi, ma ancora una volta viene espresso parere negativo.
La vicenda, finita già davanti ai giudici amministrativi, non cambia almeno fino alla nuova pronuncia del Tar.

La pronuncia del Tar

Secondo i giudici le contestazioni della Soprintendenza
“sono riconducibili a due diversi profili ostativi:da un lato, la liceità edilizia dei luoghi, asseritamente compromessa per via dell’apposizione della struttura lamellare in legno (stabilmente infissa al suolo e comunque di dimensioni significative, secondo la Soprintendenza); da un altro, il pregiudizio paesaggistico arrecato dalla realizzazione del progetto, per le ragioni sopra ampiamente rappresentate”.

“Ad avviso del Collegio – si legge nella sentenza – le argomentazioni addotte dall’Organo di tutela sono affette da profili di evidente illogicità, per le ragioni di seguito evidenziate, che rendono illegittimo il parere da ultimo rilasciato”.

Il Tar osserva come “Le argomentazioni della Soprintendenza si fondano su riprese estratte da Google Earth”, inoltre “In merito al censurato contrasto con i valori paesaggistici, si rileva, in primo luogo, che il parere impugnato appare viziato da inadeguatezza argomentativa e logica”. Di qui l’accoglimento del ricorso della società titolare del resort.

Continua a leggere su InfoCilento.it


CONTINUA A LEGGERE

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento e Vallo di Diano. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!