Rt ancora alto, Campania resta zona rossa

De Luca: faremo di tutto per aprire il prima possibile. Pierro (Lega) sui ristori: "Bisogna invertire la rotta"

“Siamo in zona rossa con un indice RT pari all’1,68. Dobbiamo stare attenti perché siamo la regione più a rischio per la maggiore densità abitativa d’Europa. La facilità di trasmissione del contagio è grande e non possiamo scherzare. Faremo di tutto per aprire il prima possibile ma prima garantire la vita”. Lo ha affermato il Governatore della Campania Vincenzo De Luca nel corso della consueta diretta Facebook settimanale.

“Non possiamo sottovalutare e quello che dobbiamo decidere va deciso. Abbiamo ancora un numero grande di sintomatici e se il 10% di questi necessita di cure ospedaliere, capirete che si può andare in affanno. Stiamo reggendo fino a quando è possibile per non chiudere altri reparti. Nelle terapie intensive siamo al 27% di occupazione, se arriviamo al 30 o 35% saremo costretti a chiudere alcuni reparti”.

Rt ancora alto, la campagna vaccinale prosegue

«Abbiamo vaccinato con la prima dose 633mila concittadini. Già è un dato rilevante per creare una sorta di barriera. Nella sanità abbiamo completato tutto il personale ospedaliero. Per gli over 80 abbiamo dato la prima dose al 70%. Nel mondo della scuola sono stati vaccinati quasi tutti (con AstraZeneca, ndr). Questo è un obiettivo strategico per la Campania. Avremmo anche vaccinato gli over 16 anni per poter riaprire le scuole, ma gli Pfizer al momento servono per gli over 80 e le categorie fragili. Faremo di tutto per aprire quanto prima le scuole, ma lo faremo in sicurezza».

«Dobbiamo completare gli ultra 80enni che vanno vaccinati a domicilio. A questo capitolo d’emergenza dobbiamo rispondere. Poi ci sono i pazienti fragili che possiamo dividere in due sottocategorie. Una prima è quella che riguarda le malattie respiratorie, cardiocircolatorie, neurologiche, problemi di diabete, fibrosi cistica, insufficienza renale, malattie autoimmuni, epatiche, cerebrovascolari, malati oncologici, pazienti con sindrome di down, che hanno subito trapianti, obesità grave, immunodeficienza da HIV».

«Per questa sottocategoria contiamo sull’aiuto e la collaborazione dei medici di famiglia ai quali chiediamo di dare una forte mano. Poi c’è un’altra sottocategoria con disabilità grave (fisica, intellettiva, psichica). Questa seconda categoria graverà sulle strutture pubbliche. Dobbiamo avere una corsia preferenziale per i pazienti fragili».

«Anche il Governo si sta orientando a prendere in considerazione le fasce d’età e non la divisione per categorie che ha creato solo il caos. Si riprende dagli ultra settantenni e poi si scende, avendo definito le priorità».

Le critiche delle opposizioni

Intanto il consigliere regionale e segretario provinciale della Lega Salerno Attilio Pierro punta il dito contro la Regione dopo la protesta delle partite Iva di oggi. “I mancati ristori al mondo delle partite Iva, oggi in piazza a Salerno per protestare contro De Luca, sono la fotografia della cruda e drammatica situazione attuale. Le misure messe in campo dal Conte-bis e da palazzo Santa Lucia, come denunciamo da tempo, erano insufficienti allora e inesistenti oggi. Occorre invece invertire la rotta con ristori direttamente sui conti correnti bancari. Come Lega abbiamo richiesto l’eliminazione del criterio legato ai codici ATECO e provvedimenti rivolti all’intera platea dei 2,5 mln di aziende e partite IVA con indennità calcolate sul decremento di fatturato dell’intero 2020 sul 2019. Siamo fiduciosi e crediamo che il nuovo governo, di cui ci onoriamo di far parte, farà la differenza in tale direzione. Meno promesse, meno slogan e più concretezza”.

Continua a leggere su InfoCilento.it


CONTINUA A LEGGERE

Redazione Infocilento

La redazione di InfoCilento è composta da circa trenta redattori e corrispondenti da ogni area del Cilento e Vallo di Diano. E' questa la vera forza del portale che cerca, sempre con professionalità, di informare gli utenti in tempo reale su tutto ciò che accade sul territorio.

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!