L’influenza della pandemia sull’industria degli appuntamenti online

La pandemia ha portato grandi cambiamenti nelle vite di tutti, andando a influire in diversi modi, che mai ci si sarebbe aspettati. Uno di questi è sicuramente anche il fronte romantico. Infatti durante la pandemia, servizi di appuntamenti online sono più popolari, e loveaholics recensione mostra che i siti di dating fanno più che attrarre potenziali utenti. Quindi gli appuntamenti online potrebbero diventare una nuova abitudine dopo la pandemia, molte persone rimarranno su internet perché è più confortevole.

Gli appuntamenti online rappresentano un luogo popolare per incontrare persone con mentalità simile durante la pandemia

In questo periodo infatti è difficile incontrare ogni tipo di persona. Riuscire a trovare qualcuno con una mentalità e un carattere affine è diventato praticamente impossibile.

Fino a un anno fa, infatti, si poteva partecipare a feste e uscire nella speranza di fare incontri, ma ora come ora anche solo un pranzo tra amici è diventato difficile. Tagliando in questo modo il circolo sociale di molte persone, la pandemia ha quasi costretto chiunque cerchi incontri con persone compatibili a trovare nuove soluzioni.

Per questo sempre più utenti si iscrivono a siti di dating online, che grazie ai profili personali degli users permettono di sapere subito con chi si andrà a parlare. Infatti, come su qualsiasi social, gli iscritti hanno accesso alla creazione di un profilo personale che fa sì che le altre persone online possano farsi un’idea generale di chi hanno davanti. Non solo, in questo modo, si permette a uomini e donne distanti di conoscersi tra loro ancora prima di iniziare a scrivere in chat, ma fa anche sì che sia più facile individuare eventuali similitudini.

Il futuro degli appuntamenti: online o di persona?

Se il boom dei siti di appuntamenti continuerà con sicurezza anche dopo la fine della pandemia sarà da vedere. Certo è che la comodità di non dover uscire di casa per conoscere persone nuove e la sicurezza di sapere di star contattando qualcuno di simile a noi saranno difficili da abbandonare per molti, anche una volta che si potrà di nuovo uscire in sicurezza.

Il dating online ha sì trovato il modo di sbocciare in questo periodo, ma esiste da molto tempo e si è sempre fatto più spazio nelle vite frenetiche delle persone. Anche prima infatti si trovava difficilmente il tempo di uscire a fare incontri, tra le giornate al lavoro e i diversi impegni che riempiono le giornate. Ora che più utenti ne hanno sperimentato la comodità è difficile pensare che debbano abbandonarlo. Probabilmente alcune persone lasceranno, ma in molti continueranno a utilizzare i siti di incontri come arma in più.

Appuntamenti online – un’abitudine dopo la pandemia

I siti di incontri permettono di aggirare le serate a vuoto sprecate con persone troppo diverse, e arrivare subito ad avere un primo appuntamento con una potenziale anima gemella vera. Proprio per questo hanno sempre interessato sempre più persone nel tempo.

La pandemia non ha fatto altro che far sì che anche utenti più diffidenti si avvicinassero a questo mondo, rendendolo più chiaro agli occhi di molti. Sempre più persone sono riuscite a trovare attraverso internet il calore delle relazioni umane che ora è difficile raggiungere di persona, facendo nuove conoscenze con utenti che mai avrebbero potuto incontrare. Grazie a questa nuova abitudine sempre più comune, è facile capire come l’online dating sia ormai entrato a far parte delle abitudini degli italiani, riuscendo a fare colpo anche su generazioni diverse.

Cercare appuntamenti online e offline sono due attività allo stesso livello, non più due vie diverse, anche i più scettici se ne sono resi conto.

CONTINUA A LEGGERE

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Sostieni l'informazione indipendente