Dilettanti: nuove disposizioni in caso di positività

Nei giorni scorsi per i dilettanti sono state delineate nuove direttive da seguire in caso di positività riscontrate per il ritorno alle attività

Nei giorni scorsi per il mondo dello sport dei dilettanti e giovanile è arrivato un segnale che sembra poter frenare la possibile ripartenza. Si tratta di una modifica, in vigore da una settimana circa, che intende salvaguardare la salute di tutti gli atleti non professionisti.

Dilettanti: ecco cosa succederà in caso di positività

Il Ministero della Salute lo scorso 13 gennaio, infatti, ha pubblicato un documento che riguarda da vicino l’idoneità sportiva agonistica per tutti gli atleti non professionisti. In particolare quelli che riscontreranno positività al COVID-19. Tutti gli atleti dilettanti che accuseranno il virus, infatti, dovranno rimanere fermi per almeno due mesi. Questo comporterà, ovviamente, un serio problema in caso di più casi riscontrati all’interno della stessa squadra. Questa di fatto vedrebbe fortemente ristretta la possibilità di rotazione e di scelte per un lasso di tempo abbastanza lungo.

Trenta i giorni di attesa per la ripresa delle attività

A frenare il ritorno tempestivo vi è, per gli atleti dilettanti positivi, l’attesa per trenta giorni dall’avvenuta guarigione per poter effettuare una nuova visita medica. Per gli atleti di livello nazionale o internazionale con esigenze di accelerare la ripresa della attività sportive  potrà essere adottato un protocollo particolare. Ecco esami e test previsti dalla Federazione Medico Sportiva Italiana con ecocardiogramma color doppler, esami ematochimici, radiologia polmonare e nulla osta dell’infettivologo.  Per leggere l’intera circolare del Ministero della salute è possibile cliccare qui.

CONTINUA A LEGGERE
blank

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it