Scuola: screening in ritardo, dubbi sulla riapertura delle superiori

Ritardi negli screening e la data del 25 gennaio fissata per la riapertura degli istituti superiori si avvicina

Circa l’80% degli studenti della scuola dell’infanzia e delle prime due classi dell’elementari è tornato in aula. Il 20%, su scelta dei genitori, è rimasto a casa. Questa la media per la provincia salernitana dei rientri a scuola dopo l’apertura dell’11 gennaio. Ma ora c’è una nuova scadenza all’orizzonte. Tra poco meno di due settimane, infatti, sarà necessario stabilire se potranno o meno rientrare a scuola anche gli studenti delle superiori.

blank

La Regione Campania aveva chiarito che tale possibilità era legata ai dati epidemiologici e agli screening. E sono proprio questi ultimi a preoccupare perché si registra un enorme ritardo e si fa sempre più largo la possibilità che non si riesca in tempo ad effettuarli.

Gli alunni delle superiori sono quelli che più insistentemente chiedono di tornare in aula. Lo hanno fatto anche con delle manifestazioni di protesta. Tuttavia la situazione è ancora incerta. Sarà necessario anche riorganizzare gli orari. La Prefettura ha chiesto di organizzarsi in tal senso, con accessi agli istituti dalle 8.15 alle 9.30.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista in alcune televisioni locali.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it