Serie D/I: Licata – Santa Maria nel big match dell’Epifania

I giallorossi nel big match per continuare a stupire. Konios, Mansi e Capozzoli indisponibili.

Si torna in campo in Serie D ed è subito una partita di cartello per la Polisportiva Santa Maria. I giallorossi, infatti, saranno ospiti del Licata, una società dai trascorsi storici importanti. Nei gialloblu ha mosso i primi passi da allenatore Zdenek Zeman tra il 1983 ed il 1986, ma è a cavallo degli anni ottanta e novanta che i siciliani hanno trascorso gli anni più belli: storica la promozione del 1988 in B con Aldo Cerantola in panchina, bellissima la salvezza del 1989 con la squadra di Papadopulo prima e Scorza poi che arrivò addirittura nona in cadetteria. Poi tanta C prima della retrocessione nei dilettanti del 1994 ed il fallimento con la squadra che ha fatto spesso la spola tra D ed Eccellenza.

blank

L’attualità ci parla di una squadra comunque competitiva in questo girone I di Serie D. 15 punti per i siciliani, gli stessi del Santa Maria (anche se una partita in più è stata giocata dalla formazione di Boncore, i cilentani infatti dovranno recuperare il match contro il Troina) per una formazione che è reduce da un’inopinata sconfitta a Rotonda, nell’ultima gara del 2020. Di solito è un 4-3-3 quello schierato dal quarantaquattrenne tecnico palermitano. Occhio in particolare a Cannavò, sei reti in stagione, una sfida nella sfida con l’altro bomber del Santa Maria, Mimmo Maggio, che sta facendo faville in quella che è, fino a questo momento, tra le stagioni migliori della carriera. Guarino e Maltese rappresentano una buona coppia di centrali difensivi (7 le reti sinora subite dal Licata), mentre a centrocampo si parla un gran bene dell’under Frisenna, prodotto del vivaio del Catania, società dalla quale è in prestito.

Accanto a lui agiscono Treppiedi, giocatore che in carriera ha girato praticamente tutta la Sicilia e Civilleri, uno con esperienze anche in C. In attacco col già citato Cannavò, occhio anche a Catalano, due assist finora, ma nessuna rete realizzata (al Roccella ne mise a segno 9 nella miglior stagione della sua carriera) e Caronia. Polisportiva che arriva a questo match con le ali dell’entusiasmo come testimoniano anche le parole di mister Esposito precedute dal sorriso di chi non ha pressioni e può lavorare bene: ”E’ una partita subito dura, il Licata è tra le più forti di questo girone e ce ne siamo accorti” – ha dichiarato all’ufficio stampa societario – ”sono una squadra che fa del Liotta un vero e proprio fortino e ben organizzata. Abbiamo provato delle soluzioni alternative e vediamo di metterle in pratica nel match. L’anno scorso ho affrontato questa squadra in uno stadio quasi pieno, stavolta purtroppo sarà diverso: il maledetto virus ci costringe a fare rappresentazioni senza pubblico. Noi faremo di necessità virtù provando a tornare dalla Sicilia con un risultato utile.

Fisicamente e mentalmente siamo bene: stiamo lavorando tranquillamente e grazie anche alla società che non ci mette pressioni riusciamo ad affrontare la settimana sempre con il sorriso sulle labbra ed è così che abbiamo preparato la sfida, consapevoli della difficoltà della stessa, ma anche dei nostri mezzi”. In vista del match del Liotta qualche assenza in più per i giallorossi: oltre al lungodegente Konios, non ci sarà neanche Mansi, ma la defezione più pesante per il tecnico nolano è quella di Capozzoli, uno che quest’anno ha messo a referto ben tre assist in otto partite (oltre ad una rete) e che sulla destra avrebbe potuto creare grossi grattacapi agli avversari. Davanti a Polverino, quindi, Campanella e Pastore sicuri del loro posto in difesa, molto probabilmente ci sarà anche Romanelli. A centrocampo i soliti Maio e Bozzaotre (quest’ultimo sta confermando di essere un prospetto anche in questa stagione) con Sagliano e Citro, ma anche Guadagno potrebbe essere impiegato dall’inizio anche in virtù delle gare ravvicinate. Davanti scelte quasi obbligate con Ragosta e Tandara che dovrebbero agire ai lati di Maggio. Arbitrerà il match di domani, mercoledì 6 gennaio, giorno dell’Epifania, il signor Gauzolino di Torino (prima designazione nel girone I, complessivamente in stagione due vittorie delle squadre di casa, una di quella in trasferta con 19 gialli e nessun rosso: curiosamente ha assegnato in tutte e tre le sfide un calcio di rigore), i suoi assistenti saranno Peloso di Nichelino e Mastrosimone di Rimini. Fischio d’inizio previsto per le 14,30.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Bruno Marinelli

Bruno Marinelli (nato a Roma, ma agropolese di famiglia).Trasferitosi stabilmente nel Cilento ne apprezza le peculiarità culturali e turistiche che la rendono una terra speciale. Appassionato di sport,cultura e politica. Ama molto leggere. E'il responsabile della redazione sportiva di Infocilento.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it