Riapertura delle scuola: ad Agropoli genitori divisi

Il 4 gennaio raccolta firme per la didattica in presenza

AGROPOLI. La ripresa della didattica in presenza rappresenta una delle questioni che sta creando maggiore dibattito in Italia. La Campania è la regione dove la scuola ha subito le maggiori restrizioni; il mese di dicembre si è chiuso con la sola apertura delle scuole dell’infanzia e delle prime due classi della primaria. Gennaio non sarà diverso. Il Governatore Vincenzo De Luca, infatti, ha chiarito che le scuole non riapriranno dopo l’Epifania.

blank

Qualche informazione in più l’ha data l’assessore Lucia Fortini che ha previsto un piano per la riapertura scaglionata che proseguirà fino al 25 gennaio.

A seguire con particolare attenzione la vicenda sono alcuni genitori di Agropoli che nei giorni scorsi hanno formato un comitato e avviato una raccolta firme per chiedere la ripresa della didattica in presenza. Lunedì prossimo (4 gennaio) è prevista anche una raccolta firme.

“E’ importante che la cittadina dimostri che la scuola è una priorità, che nessun bambino deve rimanere indietro. Cerchiamo di sperare la paura, limitiamo le uscite inutili, manteniamo alto il senso civico”, è l’appello dei promotori della sottoscrizione secondo cui la scuola è oggi un luogo sicuro.

Tuttavia sul caso non mancano polemiche e con il passare dei giorni sono sempre di più mamme e papà che si mostrano ostili al rientro in aula. Altri, invece, chiedono maggiori investimenti su sicurezza e organizzazione prima di riaprire.

A Capaccio Paestum, dove le scuole sono rimaste aperte, quasi il 50% dei bambini non frequenta la lezioni in aula.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it