Ecco un tipico pranzo di Natale

Anche se sarà un pranzo di Natale un po' anomalo, i cilentano non rinunceranno alle pietanze tipiche del territorio

Fervono i preparativi per il pranzo più amato e atteso dell’anno, quello di Natale. Quest’anno sarà sicuramente un Natale da ricordare. Nel Cilento tradizionalmente il pranzo natalizio riunisce varie generazioni e si ci ritrova tutti attorno ad una tavola, dai nonni ai nipoti, compresi zii e cugini. Per il pranzo di Natale del 2020, però si potrà stare a tavola solo con i congiunti.

Anche se quest’anno sarà un pranzo di Natale un po’ anomalo, siamo certi che le tradizioni del Cilento saranno rispettate e queste pietanze, di sicuro, non mancheranno sulla tavola dei cilentani.

blank

Il ricco pranzo è anticipato già la sera di vigilia, quando molte famiglie avranno condiviso la cena con zeppole con le alici e baccalà fritto. La scelta di questi prodotti non è dettata dal caso ma da ragioni logistiche che la tradizione ha conservato. Le alici e il baccalà infatti, possono essere conservati e i costi sono contenuti: ecco che i sapori del mare arrivano anche nelle tavole dell’interno.

Il pranzo è aperto dall’antipasto: “aulive ammaccate”, conserve, formaggi e insaccati. Ad accompagnarli pane casereccio e qualche zeppola avanzata nella cena di vigilia.

La portata principale del pranzo è rigorosamente la pasta fatta in casa, come gnocchi o fusilli: secondo la tradizione, è da servire in grandi piatti dai quali fuoriuscirà il denso profumo del pomodoro. Qualche volta si prepara il sugo con il castrato o con il maiale, per chi avrà avuto modo di ucciderlo prima del Natale; così la pasta sarà condita con tutte le sue parti che non si possono conservare. Ed ecco, di conseguenza, che è pronto anche il secondo. Ad affiancare quest’ultimo numerose preparazioni da contorno come “foglie e patate” o “mulegname ‘mbuttunate”; eventuali altri secondi sono sempre a base di carne: non mancano gli arrosti. Il tutto garantito dall’abilità delle donne cilentane e allietato da buon vino.

Il pranzo di solito si protrae per ore fino all’arrivo della parte più dolce“scauratieddi”, “’mbuttitelle” e “nocchetelle”.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it