Padula aderisce alla Rete Città della Cultura

La Rete intende affermare e sviluppare modelli di governance dei beni culturali

Il Comune di Padula ha aderito alla Rete Città della Cultura, nata nell’ambito della Community di Lubec, recependo le istanze presentate dalle Città candidate a Capitale Italiana della Cultura.
La Rete intende affermare e sviluppare modelli di governance dei beni culturali efficaci per la definizione e l’implementazione di strategie urbane, metodologie e buone pratiche, valorizzare in modo integrato il patrimonio storico-culturale delle Città aderenti attraverso lo scambio di buone pratiche e una collaborazione costante su tutte le tematiche inerenti la cultura, i beni culturali e il turismo, promuovere nuovi rapporti inter-istituzionali e il consolidamento delle relazioni tra le città della cultura che adottano soluzioni innovative di programmazione.

“Aderiamo con grande entusiasmo alla Rete Città della Cultura – sottolineano il sindaco Paolo imparato e l’assessore alla Cultura Filomena Chiappardo – Tale adesione è particolarmente importante poiché uno degli obiettivi strategici dell’Amministrazione Comunale è quello di promuovere la programmazione strategica della cultura come volano e strumento per lo sviluppo del territorio, anche attraverso lo scambio di buone pratiche sul tema della valorizzazione dei beni culturali e del turismo ad esso collegato”.

“Intendiamo continuare a sviluppare la strategia alla base del dossier di candidatura a Capitale Italiana della Cultura – concludono – L’esperienza di LUBEC dello scorso ottobre è stata particolarmente significativa per il confronto con altre città italiane con le quali collaboreremo programmando iniziative di interesse comune”.

Iscrivi anche alla nostra community su Facebook


CONTINUA A LEGGERE

Comunicato Stampa

Questo articolo non è stato elaborato dalla redazione di InfoCilento. Si tratta di un comunicato stampa pubblicato integralmente.