Ospedale di Agropoli, ennesima beffa: ridotti i servizi

"Una coperta troppo corta che se si usa per affrontare l'epidemia da coronavirus lascia necessariamente scoperte altre emergenze"

Il problema atavico dell’assenza di personale medico in Campania continua a determinare disagi e la conseguente soppressione di servizi anche nel comprensorio cilentano. Per affrontare l’emergenza covid, infatti, le aziende sanitarie sono costrette a limitare alcuni reparti, trasferendo il personale da una parte all’altra. Una coperta troppo corta che se si usa per affrontare l’epidemia da coronavirus lascia necessariamente scoperte altre emergenze. Sul territorio a pagare le conseguenze di questa situazione è già stato l’ospedale di Sapri dove è stato momentaneamente soppresso il reparto di cardiologia per ospitare i pazienti covid, con degenti e personale distribuiti altrove. Successivamente è toccato al “San Luca” di Vallo della Lucania, dove la medicina d’urgenza ha lasciato spazio alle persone affette da covid.

Ospedale di Agropoli: la situazione

Adesso, invece, tocca all’ospedale civile di Agropoli, le cui funzioni erano già ridotte all’osso, subire un ulteriore ridimensionamento. Il presidio ospedaliero di via Pio X, infatti, poteva contare soltanto sul pronto soccorso e la medicina generale. Qui c’è già stato lo stop ai ricoveri mentre ora sarà anche il pronto soccorso ad essere ridimensionato con il personale distribuito altrove.

Le reazioni della politica

A lanciare l’allarme Gisella Botticchio, consigliere comunale della Lega. «Il personale del Pronto soccorso di Agropoli da questa settimana va in aiuto ai reparti di malattie infettive-covid-19 e terapie intensive e sub intensive – accusa – Questa è la grande organizzazione dell’apparato politico regionale che ci amministra».

Per il consigliere comunale le responsabilità sono chiare, della politica regionale e di chi l’appoggia sul territorio. Di qui il monito: «Vergognatevi ancora una volta scherzate con la salute della povera gente». Il sindaco Adamo Coppola respinge le accuse al mittente e precisa di non essere a conoscenza di alcun provvedimento: «Se il pronto soccorso dovesse essere chiuso per mettere a disposizione il personale per l’emergenza covid lo accettiamo – dice il primo cittadino – è chiaro che se invece la chiusura dovesse essere definitiva non l’accetteremo in silenzio».

Continua a leggere su InfoCilento.it


CONTINUA A LEGGERE
blank

Ernesto Rocco

Inizia l'attività giornalistica nel 2003, collaborando con il mensile "Il Cilento Nuovo". Successivamente diventa addetto stampa dell'U.S.Agropoli 1921, ruolo che manterrà fino al 2013 e che tornerà a ricoprire negli anni successivi. Nel 2005, fonda il portale InfoAgropoli (divenuto poi InfoCilento), di cui è caporedattore. Dal 2012 è collaboratore de "Il Mattino" e dell'agenzia di stampa Mediapress. Si occupa dell'organizzazione e della gestione di uffici stampa con lo studio di comunicazione Qwerty. Conduce programmi radio e tv sui canali di InfoCilento ed è opinionista e corrispondente di alcune televisioni locali.

Un commento

  1. Il nostro “GROSSO” sindaco come l’accetterà se non in silenzio? Certamente non oserà gridare verso il suo “Padrone” di Napoli, che invece di pensare al covid19 ha pensato a fare propaganda politica con i soldi pubblici, e adesso ci troviamo in una situazione peggiore della prima ondata del virus.

Hai Ad Block Attivo

InfoCilento.it è un porale gratuito e si mantiene grazie alla pubblicità. Non adottiamo alcuna forma di pubblicità invasiva, fastidiosa o pericolosa. Per questo se vuoi continuare a usufruire dei servizi di InfoCilento.it disattiva AdBlock per questo sito. Per farlo clicca con il pulsante destro del mouse sull'icona di AdBlock e seleziona "Sospendi su questo sito". In questo modo potrai continuare a visitare InfoCilento.it e accedere a tutti i suoi contenuti. Grazie!