Altri SportAttualitàCilentoLocalitàSport

Ciclismo, Elisa Balsamo: “Annata straordinaria. I tanti successi? Uno stimolo per lavorare”

Abbiamo raggiunto Elisa Balsamo, giovane e affermata ciclista di origini cilentane reduce da importanti successi raccolti a livello europeo

Ancora una stagione tinta d’oro per Elisa Balsamo, atleta classe 1998 reduce da un 2020 colmo di trionfi sulle due ruote. La ciclista piemontese, dopo medaglie d’oro e trionfi degli anni passati, ha confermato tutte le sue doti su pista e strada anche in questa seconda parte di 2020. Per la cuneese Elisa Balsamo origini cilentane, legate ala nonna materna di Piano Vetrale frazione di Orria. Abbiamo raggiunto, per rivivere brevemente la sua carriera, la ciclista campione d’Europa Elite nel 2016 e 2017 e che in questo 2020 si è imposta due volte su pista ed una su strada, nella categoria Under-23.

Come e quando è nata la passione per il ciclismo di Elsia Balsamo?

“La mia passione per il ciclismo è nata da piccolina. I miei genitori sono stati sempre appassionati delle due ruote, quindi è stato semplice per me salire in sella ad una bici. Ho provato ad avvicinarmi anche ad altre discipline, ma il richiamo delle due ruote è stato troppo forte”.

Elisa Balsamo è una delle giovani atlete che si sta mettendo maggiormente in mostra nel panorama sportivo nazionale. Quanto sacrificio si nasconde dietro questi successi?

Sinceramente non pensavo di vincere due ori ed un argento a questi europei. Sono molto contenta, sicuramente arrivare a questi livelli richiede molti sacrifici. Bisogna allenarsi con costanza, stare attenti all’alimentazione, fare insomma vita da atleti. I tanti successi di questi anni ripagano tutto il lavoro svolto”.

I primi traguardi prestigiosi arrivano nel 2015, dove sei riuscita ad importi a livello nazionale, europeo e mondiale. Che ricordi hai di quella stagione?

“Del 2015 ricordo, di sicuro, il primo mondiale vinto in pista, tra le Juniores, nello scratch, a seguito di un anno davvero positivo. È stato un po’ l’inizio del mio percorso con la mia squadra, ovvero, la Valcar”.

Nel 2016 sempre tra le Juniores ti confermi a suon di vittorie sia su pista che su strada. Ti sentivi pronta per il salto tra i “grandi”?

Nel 2016, dove ho raccolto il primo oro Elite agli Europei in Francia, sono stata protagonista di una bellissima annata. Il cambio di categoria non è mai facile ma devo ringraziare in questo sicuramente la mia squadra. Questa società mi ha permesso di fare il tutto nella massima tranquillità mettendomi sempre a mio agio, e senza alcuna pressione sulle spalle. Questi fattori sono stati davvero importanti e sottolinea di essere stata seguita nel migliore dei modi”.

Per Elisa Balsamo arrivano cosi i primi successi importanti nelle categorie Elite. Quanta soddisfazione hai provato?

Sicuramente ottenere i primi risultati sin dal primo anno è stato estremamente incoraggiante. Ho capito che i sacrifici venivano ripagati a dovere e questo è stato di grande stimolo per continuare sui binari intrapresi. L’oro agli Europei di Berlino, del 2017, hanno confermato quanto di buono fatto”.

Nei due anni successivi giungono ancora successi in particolare nelle competizioni su pista a squadre. Quanto conta il giusto affiatamento con i propri compagni anche sulle due ruote?

Nel ciclismo l’affiatamento con i compagni è fondamentale a mio avviso. Questo è uno degli sport dove il concetto di squadra è imprescindibile, è importante trovarsi in sintonia con le compagne, essere altruiste e disponibili nei loro confronti e in ogni situazione in gara e fuori”.

Oltre che su pista tante le affermazioni importanti anche su strada. Quanto è stato complicato importi anche in questa disciplina?

“Ho sempre alternato pista e strada. In questo anno sono maturata fisicamente e questo, indubbiamente, ha aiutato. Continuerò a lavorare in questa direzione cercando di rimanere sempre competitiva sull’asfalto e in pista. Determinati risultati sono arrivati sulla base di quanto fatto in passato”.

Come è stato allenarsi in questi mesi con tante restrizioni? Cosa hai provato dopo la l’oro negli Europei su strada di agosto in Francia?

“Sicuramente è stato difficile allenarsi per mesi tra palestra e ciclo-mulino, è stato anche bello poter riprendere, poi, a pieno regime. L’Europeo su strada Under-23 e la vittoria alla Vuelta, a Madrid, sono frutto di quel lavoro e delle sensazioni positive che avvertivo alla ripresa. Anche se è stata una stagione difficile, per molti versi, è stata una grande gioia grazie ai traguardi ottenuti”.

Freschi, poi, sono i tuoi successi negli Europei in Bulgaria nelle specialità Madison e Omniun. Anno super per te vero?

“Inizialmente è stato un anno difficile, complice una brutta caduta che mi ha portato 18 punti su un ginocchio. Non è stato facile reagire, ma sono stata contenta degli obiettivi raggiunti. Le due medaglie d’oro, e non solo, mi rendono davvero felice e mi stimolano a lavorare ancora di più in ottica 2021”.

I prossimi appuntamenti di Elisa Balsamo quali sono ora?

“Ora mi aspetta un periodo di riposo. I primi appuntamenti del 2021 dovrebbero essere, ma ancora non si ha la certezza, gli Europei su pista anticipati al mese di febbraio”.

Elisa sei cuneese con origini cilentane. Sei mai stata nel Cilento e quando conti di venire prossimamente?

“Si le mie origini cilentane sono legate alla mia nonna paterna. Lei è di Piano Vetrale e da ragazzina sono stata una paio di volte ad Orria. Per il futuro con un calendario zeppo di impegni non sarà sicuramente facile tornarci, anche se me la raccontano come una terra estremamente affascinante”.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it