Trending

Vallo, aggressione in centro: cittadini esasperati

"Non possiamo sempre subire, necessari interventi"

VALLO DELLA LUCANIA. Rabbia e indignazione per quanto accaduto nella serata di ieri in pieno centro a Vallo della Lucania. Alcuni rom hanno aggredito dei commercianti, due persone sono finite in ospedale (leggi qui). Diversi filmati di quanto accaduto stanno girando nelle chat dei cittadini vallesi, provocando ulteriore sdegno per l’episodio. Nelle immagini si vedono due persone spaccare una tabella e utilizzare le aste contro due malcapitati. Un altro negoziante, spaventato, si è allontanato rifugiandosi in una attività con la porta blindata con i malviventi, già noti alle forze dell’ordine, che hanno cominciato ad inveirgli contro.

blank

Dopo una ventina di minuti sono arrivati i carabinieri della compagnia di Vallo della Lucania che hanno provveduto a portare in caserma i due zingari.

Ma l’episodio di ieri sera è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso poiché è da tempo che alcuni rom hanno assunto atteggiamenti violenti verso commercianti e cittadini. Diversi gli episodi di aggressione aumentati dalla scorsa estate ad oggi.

C’è chi invoca l’intervento del Comune, chi accusa l’amministrazione di essere troppo vicina a questi personaggi attraverso i servizi sociali; appello anche alle forze dell’ordine affinché aumentano i controlli in zona. “Dobbiamo ribellarci, non possiamo subire in silenzio”, dice un cittadino; “Non possiamo restare alla mercé di questi rom”, commenta un altro.

Il malcontento è un’anime e forte è l’appello ad ulteriori controlli e ad iniziative per evitare che tali situazioni si ripetano.

@Riproduzione riservata
Continua a leggere
Continua dopo la pubblicità

Costabile Pio Russomando

Studente universitario, iscritto alla facoltà di Lettere, inizia l'attività di giornalista nel 2013, collaborando con alcuni mensili cilentani e occupandosi dell'organizzazione di eventi sul territorio.

Ti potrebbero interessare

Hai Ad Block Attivo

Disattiva Ad Block su questo sito se vuoi continuare a leggere InfoCilento.it